LA RAGAZZA DEI BEATLES E DEI ROLLING STONES. ADDIO A SIMONETTA ZAULI. - Ruggero Po
17370
post-template-default,single,single-post,postid-17370,single-format-standard,do-etfw,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

LA RAGAZZA DEI BEATLES E DEI ROLLING STONES. ADDIO A SIMONETTA ZAULI.

24 Giu LA RAGAZZA DEI BEATLES E DEI ROLLING STONES. ADDIO A SIMONETTA ZAULI.

Scompare Simonetta Zauli, voce tra le più amate di Radio1 RAI. Il debutto televisivo a fianco di Fabio Fazio in “Jeans”. Poi sempre e solo radio. Da vent’anni moglie di Mauro Lusini.

 

Mauro lo aveva conosciuto e conquistato durante un’intervista. Galeotto fu un cappello dimenticato a casa del cantautore che nel 1966 scrisse “C’era un ragazzo…”. Poi il matrimonio negli Stati Uniti, lontano da quelle cerimonie che le davano tanta allergia, e l’arrivo di Tommaso, oggi poco meno che ventenne. Simonetta era così, riservata e profonda, dolce e ribelle. Il tipo giusto per la radio.

Di televisione, agli esordi, ce ne fu effettivamente tanta. Verso la metà degli “favolosi ottanta” Simonetta fu lungamente a fianco di Fabio Fazio nella pomeridiana musicale di Rai3, “Jeans”. Nonostante il successo e la prospettiva di una fortunata carriera nel piccolo schermo il richiamo della radio, dove aveva cominciato da ragazza con le dirette a Radio Luna, ebbe  la meglio. E di lì a poco Simonetta Zauli fu una delle voci di riferimento di “Stereo 1”, nella breve stagione con la quale Radio Rai provò a ringiovanire i propri programmi con canzoni e interviste.

“Baobab”, “Start”, “Sabato Sport” furono i programmi nei quali, a fianco di un conduttore che seguiva la cronaca, l’economia,lo  sport e la politica, Simonetta Zauli si occupava di canzoni e interviste musicali.

Una voce educata, un approccio sorridente e gentile d’altri tempi che, forse proprio per questo, negli ultimi anni indussero i responsabili dei palinsesti, perennemente alla rincorsa  di un “pubblico giovane”, a fare  a meno di lei.

Con Simonetta si spegne, e temo per sempre, quella radio che, assieme al transistor, ha accompagnato i nostri migliori anni.