BENESSERE. CON I NUOVI INDICATORI BES L’ITALIA GUARDA OLTRE IL PIL.

BENESSERE. CON I NUOVI INDICATORI BES L’ITALIA GUARDA OLTRE IL PIL.

Previsti dalla recente Riforma della Legge di Bilancio, gli indicatori del benessere equo e sostenibile entrano ufficialmente nel Documento di Economia e Finanza. Welfare, salute, ambiente e povertà nel cruscotto di comando.

 

Il progetto per considerare il benessere come termometro imprescindibile della salute di un Paese nacque sette anni fa da un’iniziativa congiunta di Cnel e Istat. I presidenti dell’epoca, Andrea Marzano e Enrico Giovannini possono oggi considerarsi a tutti gli effetti i padri dello strumento voluto per superare la dittatura del Pil.

Il dibattito viene da lontano. Già nel marzo del 1968, cinquant’anni fa, Bob Kennedy ebbe a dire “Il Pil misura tutto eccetto ciò che rende la vita effettivamente degna di essere vissuta”. Ed è così che, primo Paese nell’Ocse, dalla prossima finanziaria l’Italia dovrà considerare imprescindibili tutti gli interventi destinati a creare benessere. Interventi che, successivamente, dovranno essere monitorati con costanza.

Pochi i temi definiti dalla apposita commissione per questo primo anno. L’obiettivo è quello di avvicinarli nel tempo agli obiettivi stabiliti dalle Nazioni Unite e rendere la griglia di misurazione in un qualche modo sovrapponibile ai diciassette goal dell’Agenda 2030.

Se ne è parlato a Radio Radicale nel corso del programma Alta Sostenibilità che ho condotto assieme a Valeria Manieri e che potrete ascoltare nel link allegato. Partecipano il professor Enrico Giovannini, membro della commissione che ha elaborato gli indicatori e portavoce dell’Asvis, l’economista Alberto Quadrio Curzio, presidente dell’Accademia dei Lincei e Donato Speroni, giornalista, curatore del blog Numerus per il Corriere della Sera.

 

     Ascolta la trasmissione

http://www.radioradicale.it/scheda/505465/alta-sostenibilita-gli-indicatori-del-benessere-equo-e-sostenibile-nelle-politiche



Potrebbero interessarti anche questi post

NOT IN MY NAME Il Presidente del Senato, Piero Grasso, chiede ripetutamente scusa alle donne vittime di femminicidio, in nome del genere maschile. Ma la responsabili...
COMPAGNI: LA GUERRA DI LIBERAZIONE NON FU “COSA ROSSA” Settantadue anni dopo la Liberazione è giunto il momento, da parte dell'Anpi, di riconoscere apertamente il contributo determinante degli antifascisti...
CATTIVERIA. L’OSTACOLO PEGGIORE IN UN PERCORSO DI CURA. Un oncologo, uno psichiatra, un filosofo e un attore a confronto su una delle attitudini più frequenti e meno indagate del genere umano.   Ne...
LA PIAZZA RITROVATA Ma quale Paese spaccato in due? È così a ogni elezione, a ogni Referendum vero. Fu così nel 46 e nel 74. E anche per l'aborto. Questo voto, piuttosto,...