IL CRUSCOTTO DEL BENESSERE - Ruggero Po
17291
post-template-default,single,single-post,postid-17291,single-format-standard,do-etfw,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-9.1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2.1,vc_responsive

IL CRUSCOTTO DEL BENESSERE

12 Apr IL CRUSCOTTO DEL BENESSERE

Primi in Europa e nel G7. Il benessere degli italiani tra i parametri per programmare il futuro del Paese.

Reddito medio disponibile, indice di diseguaglianza, tasso di mancata partecipazione al lavoro e emissioni di CO2 e di altri gas clima alteranti sono i primi quattro indicatori del benessere che il nostro governo ha inserito tra gli indicatori da inserire nel Documento di Economia e Finanza per un benessere equo e sostenibile.

“Il paese si trova in una fase di transizione verso una crescita più solida, sostenibile e inclusiva, la stiamo inseguendo: è necessario rafforzare questa fase, capitalizzare la strategia di benefici delle riforme recenti che sta continuando e in cui il Governo è pienamente impegnato” ha detto il Ministro dell’Economia Piercarlo Padoan, pertanto nel Def in via di adozione da parte del Consiglio dei Ministri ci sarà la sperimentazione dell’evoluzione passata e futura dei quattro indicatori.

Temi che oggi ho commentato con uno tra i giornalisti più esperti del settore, Donato Speroni, autore del blog “Numerus” sul Corriere della Sera, del saggio “2030 La tempesta Perfetta e responsabile della comunicazione dell’Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile. Il Pil è destinato a perdere di peso specifico? Che cosa significa tutto questo per la ripresa? Qualcosa a che vedere con la classifica della felicità?  C’è la speranza che i partiti inseriscano questi temi nei loro programmi?

 

Ascoltate le risposte che Speroni mi ha dato nell’intervista per Formiche.Net

http://formiche.net/2017/04/12/pil-benessere-def/

l’intervista Integrale