IL CRUSCOTTO DEL BENESSERE

IL CRUSCOTTO DEL BENESSERE

Primi in Europa e nel G7. Il benessere degli italiani tra i parametri per programmare il futuro del Paese.

Reddito medio disponibile, indice di diseguaglianza, tasso di mancata partecipazione al lavoro e emissioni di CO2 e di altri gas clima alteranti sono i primi quattro indicatori del benessere che il nostro governo ha inserito tra gli indicatori da inserire nel Documento di Economia e Finanza per un benessere equo e sostenibile.

“Il paese si trova in una fase di transizione verso una crescita più solida, sostenibile e inclusiva, la stiamo inseguendo: è necessario rafforzare questa fase, capitalizzare la strategia di benefici delle riforme recenti che sta continuando e in cui il Governo è pienamente impegnato” ha detto il Ministro dell’Economia Piercarlo Padoan, pertanto nel Def in via di adozione da parte del Consiglio dei Ministri ci sarà la sperimentazione dell’evoluzione passata e futura dei quattro indicatori.

Temi che oggi ho commentato con uno tra i giornalisti più esperti del settore, Donato Speroni, autore del blog “Numerus” sul Corriere della Sera, del saggio “2030 La tempesta Perfetta e responsabile della comunicazione dell’Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile. Il Pil è destinato a perdere di peso specifico? Che cosa significa tutto questo per la ripresa? Qualcosa a che vedere con la classifica della felicità?  C’è la speranza che i partiti inseriscano questi temi nei loro programmi?

 

Ascoltate le risposte che Speroni mi ha dato nell’intervista per Formiche.Net

http://formiche.net/2017/04/12/pil-benessere-def/

l’intervista Integrale



Potrebbero interessarti anche questi post

NIZZA 2016. SIMONETTA ZAULI RACCONTAVA. Nizza 2016. Il terrore sul lungomare. Tra i presenti Simonetta Zauli, indimenticabile conduttrice di Radio1 Rai, che la mattina dopo raccontava... ...
CARPI 1979. GLI EDITORIALI DI LORIS GUERZONI A RADIO BRUNO. Scrittore carpigiano tra i più apprezzati del secolo scorso, per una breve stagione Loris Guerzoni commentò a Radio Bruno i fatti del giorno. Conosci...
COMPAGNI: LA GUERRA DI LIBERAZIONE NON FU “COSA ROSSA” Settantadue anni dopo la Liberazione è giunto il momento, da parte dell'Anpi, di riconoscere apertamente il contributo determinante degli antifascisti...
CON FATIMA CONTRO IL VELO. DA BOLOGNA LA RISCOSSA DELLE GIOVANI IMMIGRATE. La denuncia di una giovane immigrata bengalese rivela le coercizioni familiari dietro l'imposizione del velo. Rasata a zero dalla madre perchè fuori c...