LA PIAZZA RITROVATA

LA PIAZZA RITROVATA

Ma quale Paese spaccato in due? È così a ogni elezione, a ogni Referendum vero. Fu così nel 46 e nel 74. E anche per l’aborto. Questo voto, piuttosto, ha restituito il piacere del confronto politico e questa volta, prima che in piazza, più che in televisione, è accaduto sul social. La piazza, benchè virtuale, è tornata luogo di scambio, anche violento, di idee. Qualcuno si è sentito a disagio, schiacciato, forse inadeguato a sostenere idee delle quali non era nemmeno lui troppo informato o convinto. Un po’ come quando cinquant’anni fa il segretario del Pci ti dava la linea e tu, senza saperne poi tanto, dovevi sostenere che in Unione Sovietica andava tutto a meraviglia. Dogmi. Come quello della Costituzione più bella del mondo. Spero che non finisca tutto qui. Mi auguro che la discussione politica possa continuare e crescere di livello, che quanto accaduto spinga sempre più internauti a cercare, e a sapere trovare, in rete le informazioni che sanno di non avere. Mi auguro che le prossime elezioni politiche siano un altro fronte di discussione, se possibile meno isterica, più matura.



Potrebbero interessarti anche questi post

UN PAESE IRRIFORMABILE Avevamo scherzato. Costretto dalla maggioranza degli italiani a cancellare la riforma della Costituzione il governo, questa volta motu proprio, sia av...
ROMA. PROVE GENERALI DI DECRESCITA FELICE. Roma si sfila dall'anello delle capitali che, assecondando il fuso orario, come da tradizione saluteranno l'anno nuovo con musica, spettacoli e fuochi...
CERVELLI LIBERI Dispersa a Berlino, dopo la strage di Natale, nel giorno della polemica contro le parole del ministro del lavoro sui "cervelli in fuga". Per le iene d...
BULLISMO A SCUOLA. I COLPEVOLI CONDANNATI A PULIRE LE AULE. Singolare la punizione adottata da una scuola di Biella per i ragazzi che in aula bullizzano i compagni o rifiutano di spegnere il cellulare in classe...