PIANTO DI DONNA

PIANTO DI DONNA

Lacrime impossibili da trattenere. Lacrime che condivido quelle di Debora Serracchiani in Consiglio Regionale.  Lacrime per il naufragio di un progetto nel quale in tanti avevamo creduto e al quale avevamo lavorato. Lacrime sincere, d’impulso, come lo furono le lacrime di Fornero. Lacrime per un’azione ingiusta ma necessaria, quella volta, adottata con una pistola puntata alla tempia con lo spettro di un Paese che scivolava verso il default, senza più liquidità per pagare stipendi e fornitori.



Potrebbero interessarti anche questi post

QUANDO SARTORI DIEDE A BERGOGLIO DEL PAPA DI SECONDA CLASSE Intervistai Giovanni Sartori in occasione dell'uscita del suo "La corsa verso il nulla". Caustico come sempre definì "carino" il Papa e "svogliato" un...
LA SCUOLA DEI PARADOSSI Mario Rusconi - ANP clicca sull'immagine per ascoltare l'intervista Busta paga più pesante, a fine anno, per più di un insegnante su tre: per la p...
BASILICATA COAST TO COAST. ANNAZIRA: UN TALENTO CHE NASCE. La prova delle piazze per "Annazira & The Acoustic Trio". Basso, chitarra, percussioni e voce. Grandi successi riproposti in chiave rock acustica....
GERARDO GRECO. A CAPO DI RADIO1 UN ANCHORMAN NATO ALLA RADIO. Mosse i primi passi alla radio il giornalista scelto da viale Mazzini per dirigere la rete che fu di Zavoli e di Zanetti. Auguri a Gerardo Greco che, ...