PIANTO DI DONNA

PIANTO DI DONNA

Lacrime impossibili da trattenere. Lacrime che condivido quelle di Debora Serracchiani in Consiglio Regionale.  Lacrime per il naufragio di un progetto nel quale in tanti avevamo creduto e al quale avevamo lavorato. Lacrime sincere, d’impulso, come lo furono le lacrime di Fornero. Lacrime per un’azione ingiusta ma necessaria, quella volta, adottata con una pistola puntata alla tempia con lo spettro di un Paese che scivolava verso il default, senza più liquidità per pagare stipendi e fornitori.



Potrebbero interessarti anche questi post

LA SCUOLA DEI PARADOSSI Mario Rusconi - ANP clicca sull'immagine per ascoltare l'intervista Busta paga più pesante, a fine anno, per più di un insegnante su tre: per la p...
CARPI 1979. GLI EDITORIALI DI LORIS GUERZONI A RADIO BRUNO. Scrittore carpigiano tra i più apprezzati del secolo scorso, per una breve stagione Loris Guerzoni commentò a Radio Bruno i fatti del giorno. Conosci...
PAOLA TAVERNA. IPSE DIXIT Taverna: "Una torta di letame e sopra la ciliegina Boschi. Si prevedono inondazioni di vomito da chi con un NO pensava di essersi tolti dalle palle". ...
16 AGOSTO. CARPI RICORDA I SUOI MARTIRI. QUESTE LE LORO STORIE. Settantacinque anni fa, nella Piazza Maggiore di Carpi, in seguito a loro intitolata, la fucilazione di sedici antifascisti come rappresaglia per l'om...