PIANTO DI DONNA

PIANTO DI DONNA

Lacrime impossibili da trattenere. Lacrime che condivido quelle di Debora Serracchiani in Consiglio Regionale.  Lacrime per il naufragio di un progetto nel quale in tanti avevamo creduto e al quale avevamo lavorato. Lacrime sincere, d’impulso, come lo furono le lacrime di Fornero. Lacrime per un’azione ingiusta ma necessaria, quella volta, adottata con una pistola puntata alla tempia con lo spettro di un Paese che scivolava verso il default, senza più liquidità per pagare stipendi e fornitori.



Potrebbero interessarti anche questi post

LUIGI TENCO. UN SUICIDIO NEL QUALE CI OSTINIAMO A NON CREDERE.   Cinquant'anni e due inchieste dopo la scomparsa di Luigi Tenco c'è ancora chi non crede alla verità giudiziaria. "Suicida oppure assassinato ...
RAI. LA RADIO CHE VERRÀ. GERARDO GRECO SCOPRE LE CARTE. Presentato il piano editoriale del nuovo direttore di Radio1 RAI e dei GR. "Sono qui per restare" promette Gerardo Greco a giornalisti e maestranze de...
DECRETO MADIA. UN’ ARMA SPUNTATA CONTRO I LICENZIAMENTI. Rivincita per i "furbetti del cartellino" che, con le ultime modifiche al Decreto Madia, avranno gioco più facile contro le amministrazioni che prover...
CARPI. TUTTE LE VITTIME DEL CORVO. Caccia all'autore del dossier anonimo contro il sindaco. Lui revoca le deleghe al suo vice, e rivale, il quale nega. Ma a pagare sarà tutta Carpi. ...