PROFUGHI MINORENNI. DA OGGI ACCOLTI PER LEGGE.

PROFUGHI MINORENNI. DA OGGI ACCOLTI PER LEGGE.

Da oggi è legge dello Stato: nessun profugo minorenne potrà più essere respinto. Avranno gli stessi diritti dei loro coetanei. Straordinario lavoro di Save The Children. M5S vota a favore.

 

Con il voto contrario di tredici soli deputati leghisti, la Camera dei Deputati ha approvato oggi, in via definitiva, la legge che riconosce accoglienza e protezione ai minorenni stranieri non accompagnati.

Sono stati quasi 26mila (25.800) i bambini sbarcati in Italia, senza genitori o un adulto di riferimento, nel solo 2016. Nel 2015 furono 12.360. Quest’anno, secondo Save The Children, che ha avuto un ruolo fondamentale nella stesura delle legge, almeno tremila non accompagnati. Molti hanno meno di dieci anni.

Il destino che attende questi ragazzi è stato, fino a qui, gravato di grandi incertezze. Di oltre seimila arrivati nel 2016 non c’è più traccia. Una buona parte si ritiene abbia potuto in un qualche modo raggiungere parenti o amici che li aspettavano in nord Europa. Ma su tanti, troppi, si posano i tentacoli della criminalità organizzata che li avvia a prostituzione, accattonaggio, altre attività illecite.

La legge approvata oggi pone l’Italia all’avanguardia riconoscendo a questi ragazzi la titolarità dei diritti che spettano a ognuno di noi, dalla salute, all’educazione, all’ascolto.  Per la prima volta verranno disciplinati per legge identificazione e attribuzione dell’età. Il documento verrà messo a disposizione loro e del loro tutore per avvalersene in ogni sede. Vengono inoltre disciplinati tutti gli strumenti per risalire ai loro congiunti.

Certo non tutto è fatto. La fine dell’iter legislativo è solo l’inizio del cammino della nuova legge. Ota servono divulgazione, formazione, monitoraggio, la legge va implementata. Ma quello di Save The Children, che propose la legge del 2013 e ha contribuito alla stesura del testo, e degli altri soggetti è un lavoro che fa bene sperare anche per il futuro.

E nessun bambino, mai più sia vittima di tratta.



Potrebbero interessarti anche questi post

GENITORI-BULLI: “UNA MADRE VENNE AL RICEVIMENTO CON L’AVVOCATO” Dopo l'allarme del Presidente Mattarella sulle intimidazioni fisiche e verbali dei genitori a scuola, un'insegnante racconta.   Simonetta Pav...
LACRIME DI COCCODRILLO Gli alibi non richiesti si moltiplicano. Osservando il film già visto troppe volte della triste sfilata al Quirinale di sigle politiche senza volto, c...
EUROPHONICA. LA VOCE DI ANTONIO MEGALIZZI. Ascolta il servizio radiofonico che Antonio Megalizzi realizzò sulla provocazione austriaca dei consolati per i sudtirolesi di madrelingua tedesca. ...
OGNUNO FACCIA LA SUA PARTE Immancabili, come ogni anno, polemiche e provocazioni durante il periodo che accompagna il 27 gennaio, "Giorno della Memoria".   Istituito per ...