LOLLOBRIGIDA: IL MINISTRO CHE FERMA I TRENI

LOLLOBRIGIDA: IL MINISTRO CHE FERMA I TRENI

I tempi del rigore e della sobrietà di Draghi sono definitivamente archiviati. I ministri del governo in carica, e uno in particolare, Francesco Lollobrigida, non perdono occasione per far parlare di sé. E non sempre in termini positivi. Non è infatti sfuggito, alla stampa estera, l’episodio di Francesco Lollobrigida, potente ministro dell’Agricoltura, che trovandosi su di un treno fortemente in ritardo, ha chiesto e ottenuto una fermata non programmata a Ciampino per potere scendere.

 

Nell’episodio  odierno di Ristretto Italiano una mini rassegna dei titoli dei media internazionali, dal Guardian, allo Spiegel, a una quantità di testate greche che, in particolare, ci sono andate pesanti.

 

Nello stesso numero del podcast di Ruggero Po numerose le recensioni di articoli sulla mobilitazione di coscienze sollevata in Italia dall’omicidio di Giulia Cecchettin. Femminicidio che, trascurato nei primi giorni dai media internazionale che lo derubricarono a piccola cronaca nazionale, ha assunto anche all’estero gli stessi contorni ottenuti in patria.

 

E ancora, nello stesso episodio di Ristretto Italiano del 24 novembre un servizio sul nuovo gasdotto che, attraversando le Alpi, unirà Italia e Germania, uno su un eccezionale ritrovamento archeologico, risalente al neolitico nel Golfo di Napoli, e un ultimo sulle masserie che si fanno pagare dai turtisti per raccogliere le loro olive.

 

Ascolta il podcast: