Meloni. Non fare errori non basta per governare bene.

Meloni. Non fare errori non basta per governare bene.

“Non fare errori non basta per governare bene” E’ questo, in sintesi, il giudizio impietoso della Neue Zürcher Zeitung su un anno di governo Meloni ed è questo il primo servizio che vi linkiamo tra quelli trattati nel Ristretto Italiano di oggi.

Buongiorno a tutte e a tutti. L’articolo del prestigioso quotidiano svizzero fa notare che nonostante la premier italiana sia salda in sella, con una maggioranza solidissima e un ottimo gradimento personale, dalla conferenza stampa di inizio anno non è uscito nessun impegno concreto per uscire da un pantano economico come quello attuale. E, citando l’editoriale di Capodanno del direttore del corriere della Sera, la NZZ deduce che l’establishment dell’Italia settentrionale non sia più disposto a farle credito.

Questa, dunque, l’apertura dell’episodio odierno del nostro podcast mentre la stampa italiana, oltre ai commenti sulla situazione a Gaza, ci offre molta cronaca, dalla dinamica della sparatoria al veglione con l’onorevole pistolero, agli incidenti che hanno funestato l’ultimo week end natalizio.

Rimanendo in tema di impegni economici non del tutto mantenuti segnalo un lancio di Reuters sull’industria dell’auto. Titolo “La produzione di veicoli elettrici Stellantis in Italia è insufficiente mentre gli acquirenti aspettano gli incentivi”

Incentivi più volte annunciati nel corso del 2023 ma arrivati, e ancora solo sulla carta, come impegno di fine anni: 930 milioni per chi rottamerà vecchie auto per passare all’elettrico.

Parlando totalmente d’altro, lo spagnolo El Pais dedica un servizio a Catello Romano, il giovane camorrista che si è laureato in carcere, in sociologia, con una tesi sulla fascinazione del crimine. Il servizio è stato intitolato “Lode per la tesi di un mafioso italiano che, per l’occasione, confessa tre omicidi ancora sconosciuti”. Una storia molto bella che vale sicuramente la pena ascoltare.

E sempre riguardo gli ambienti di camorra The Guardian fa parlare Don Patriciello, parroco a Caivano, in un articolo dal titolo “La risposta della Meloni mi ha lasciato di stucco”. Un elogio, da parte del sacerdote in prima linea contro la camorra, che riconosce alla nostra premier di avere dato seguito con i fatti alle parole.

Per chiudere. Della Campania non si può parlare solo male. Ecco quindi che, tornando in Spagna, troviamo un articolo di viaggi del sito 20 minutos: “Il palazzo reale più grande del mondo è in Italia: 1200 stanze, cascate e un proprio teatro.

Il palazzo è la Reggia di Caserta e il consiglio, qui, è anche quello, se avete voglia di visitarla, di legge i suggerimenti forniti dall’articolo linkato qui sopra.

Chiudendo del tutto, sempre dalla Spagna, con la rivista per famiglie Ser Padres (Essere Genitori) che dà la lista dei 15 nomi di bambine più diffusi in Italia oggi. Divertitevi a scoprire quali sono. E a ascoltare l’episodio di Ristretto Italiano del giorno nel player sottostante