Ristretto Italiano – 1 agosto 2022

Ristretto Italiano – 1 agosto 2022

Ritorno di fiamma. Ecco perché l’Italia crede ai neofascisti. Putin e il voto italiano: allarme a Washington. Intanto la ripresa italiana ingrana la quarta. Paul Haggis caso chiuso. Archiviate le accuse contro il regista americano.

Perché i neo fascisti sono così popolari in Italia? La Neue Zurcher Zeitung prova a rispondere  in una approfondita analisi pubblicata sul numero di ieri. In Italia, Paese dove il fascismo è stato praticamente inventato, un secolo fa, oltre un venti per cento degli elettori dichiara che voterà per i suoi eredi diretti. Quindi il venti per cento degli italiani, un italiano su cinque, è fascista? Assolutamente no, scrive la Zurcher. Come nel resto d’Europa i Fratelli si sono resi luogo di ritrovo per tutti i tipi di insoddisfatti, e in tempi di inflazione crescente, e di fosche prospettive economiche il gioco è fatto. Per quanto riguarda la presa di distanza collettiva da un periodo così buio della nostra storia l’Italia si è spesso rifugiata nella retorica della Resistenza da illudersi che le radici del fascismo si fossero seccate. Senza voler vedere, invece, i pellegrinaggi a Predappio, l’attivismo dei movimenti di destra estrema che rivendicano una vicinanza postuma a Mussolini. Riprendendo le parole della scrittrice italiana Francesca Melandri, intervistata della stessa Zurcher, l’autorevole testata svizzera chiude considerando che ‘accusare gli altri di fascismo è una meravigliosa via di fugaa per non affrontare in prima persona il confronto con la storia italiana”.

https://www.nzz.ch/international/italien-warum-die-postfaschisten-so-viel-zuspruch-erhalten-ld.1695805

Politico, apprezzata rivista statunitense di analisi geostrategica, dedica un ampio servizio alle presunte responsabilità di Mosca nella caduta di Draghi e al prevedibile ruolo occulto che il Cremlino giocherà in questa campagna elettorale. Preoccupazione che per gli Stati Uniti non sono di poco conto se il rischio è che Roma, come Budapest e Belgrado, possa scivolare nell’area europea filorussa. In particolare, spiega l’articolo, sono due le circostanze che devono mettere in allarme: prima, in ordine cronologico, la domanda che a maggio un funzionario dell’ambasciata russa fece a uno stretto collaboratore di Salvini sull’intenzione della Lega di continuare con Draghi; poi, ma non da meno, la telefonata tra l’ambasciatore russo e Berlusconi il giorno in cui Forza Italia ha ritirato l’appoggio al governo facendolo cadere. Vicende italiane, insomma, che non possono lasciare indifferente il Paese capofila dell’alleanza Atlantica.

https://www.politico.eu/article/russia-link-italy-giorgia-meloni-election-campaign/

Il governo italiano è caduto anche se l’economia italiana è cresciuta più del previsto nel secondo trimestre. Lo ricordava sabato Reuters commentando i dati Istat sul periodo aprile giugno 2022. La crescita è stata dell’uno per cento rispetto ai primi tre mesi dell’anno, nonostante i venti contrari che soffiano da est, e su base annua il nostro più è aumentato del 4,6 per cento rispetto al 3,7 che era stato previsto dagli analisti. E’ stato il sesto semestre consecutivo di crescita del nostro Paese. Aumentati soprattutto industria e servizi; la produzione agricola invece è calata. Ma, considerata la fine prematura del governo Draghi, Reuters non è ottimista per il fine anno.

https://www.reuters.com/markets/europe/italys-economy-grew-faster-than-expected-q2-10-qq-46-yy-istat-2022-07-29/

Paul Haggis, caso chiuso. Il tribunale di Lecce – come riportano molti giornali americani, e come leggo da Variety – ha deciso l’archiviazione del procedimento contro il regista americano per presunti abusi sessuali ai danni di una giovane donna. Respinto anche il ricorso del pubblico ministero che chiedeva il ripristino degli arresti domiciliari. Il cineasta, premio Oscar per Crash, era stato arrestato il 19 giugno a Ostuni ed era stato trattenuto in Puglia per 15 giorni. Nelle prossime settimane si conosceranno le motivazioni dell’archiviazione.

https://variety.com/2022/global/global/paul-haggis-sexual-assault-dismissed-1235330006/