Ristretto Italiano – 11 aprile 2021

Ristretto Italiano – 11 aprile 2021

Draghi-Erdogan: turchi infuriati; le bugie di Ranieri Guerra; il diario italiano di ua psicologa paraguaiana; i russi fremono per tornare in Italia; le quattro buone ragioni per mangiare italiano.

Di Mario Draghi, e della definizione che egli ha dato del presidente turco – ha detto che è un dittatore – si continua a parlare nei quattro angoli del mondo, dall’America Latina alla Corea. E c’è grande indignazione, come è naturale, sulla stampa turca. “Draghi parla in piena ignoranza politica” scrive TNTHaber. Un’ipocrisia – aggiungono – che è parte della loro politica. Seguono le richieste di scuse.

Di Ranieri Guerra indagato si parla fin nel sud della California, sul San Diego Union Tribune. L’alto funzionario dell’OMS è accusato, dalla Procura di Bergamo, di aver fornito falsa testimonianza, nello scorso novembre, quando fu interrogato sui presunti ritardi dell’Italia nell’aggiornamento del Piano Antipandemia. Fatti successivi avrebbero smentito le sue dichiarazioni.

La rete paraguaiana ABC pubblica una video intervista a una connazionale che da tempo fa la psicologa in una cittadina Toscana che non viene precisata. Letizia Diaz descrive le restrizione della sua zona rossa e, con ammirato stupore, dice “In Italia non è come da noi, qui le regole le fanno rispettare!” e poi parla di come assistere psicologicamente le persone fragili: empatia e il massimo dell’informazione perchè si ha paura di ciò che non si conosce.

Grande attenzione dei media russi a ciò che Roma deciderà di fare col turismo: lo stivale è notoriamente, e da anni, una delle mete predilette del turista e del villeggiante russo. L’Italia prevede di riprendere dal 2 giugno – scrive Europeiskaya Pravda. Ma, precisa la testata moscovita, il ministro Garavaglia non ha chiarito se, pur aprendo le strutture, sarà consentito l’ingresso agli extracomunitari.

Quattro buone ragioni per mangiare italiano. Le pubblica dalla Francia Hebdò du Saint Maurice e sono: 1- il cibo italiano è minimamente lavorato e le carni usate sono prevalentemente magre; 2. Gli ortaggi più usati sono ricchi di vitamina A e C, Omega 3, licopene, selenio, betacarotene; 3. In Italia, da regione a regione, c’è una grande varietà di cibi; 4. con un minimo di ingredienti freschi si cucina un pasto ottimo sia per la salute che per il palato.