Ristretto Italiano – 11 luglio 2022

Ristretto Italiano – 11 luglio 2022

Roma brucia: nessun dubbio sul dolo dei grandi incendi. Ma quale visita al paesino molisano della madre… Fox New fotografa Nancy Pelosi nel più esclusivo resort di Forte dei Marmi. Un libro americano sull’Università di Bologna, la prima del vecchio continente.

Roma brucia. Per la quarta volta in quattro settimane. Le foto dell’impressionante incendio di sabato pomeriggio a Centocelle sono sui siti e sui quotidiani di mezzo mondo. La Berliner Zeitung, dalla Germania, ipotizza che dietro a ognuno di questi roghi ci sia un’unica regia per danneggiare l’amministrazione comunale e il nuovo sindaco. Lo spegnimento ha impegnato oltre cento vigili del fuoco che, a scopo precauzionale, hanno evacuato decine di famiglie dell’area circostante; il fatto che bruciassero le autovetture del deposito dei rottamatori della zona ha destato più di una preoccupazione sulla tossicità della colonna di fumo nerissimo. Sul dolo, come dicevamo, nessuno ha dubbi, sabato oltretutto in zona era una giornata fresca. Ora, scrive la Berliner, gli inquirenti dovranno stabilire se si tratti di autori solitari e di criminalità organizzata.

https://www.berliner-zeitung.de/news/grossbrand-in-rom-stadt-von-pyromanen-angegriffen-li.245238

Fox News, il più seguito network americano di sole notizie, spesso criticato per le sue posizioni conservatrici vicine al partito repubblicano, ha sguinzagliato i suoi operatori al seguito di Nancy Pelosi per smascherare i lussi che la speaker democratica del Congresso si è concessa durante il suo recente soggiorno, un po’ privato e un po’ pubblico, in Italia. Un viaggio che la 82enne presidente del parlamento statunitense, ha affermato di avere fatto per omaggiare il piccolo comune d’origine della madre, Fornelli, in Molise. Altro che viaggio spartano a Isernia. Fox ha immortalato l’anziana leader politica all’AlpeMare di Forte dei Marmi, esclusivissimo resort che al posto degli ombrelloni ha ampi gazebo di tessuti pregiati, dove una giornata di spiaggia può facilmente  costare un migliaio di euro e uno spuntino al bar dai 150 in su. Il servizio tralascia di dire che i coniugi Pelosi erano ospiti di Andrea Bocelli. E ciò che a me ha fatto più tenerezza è vedere la foto di loro abboccati sulle sdraio mentre dalle mani di lei penzola no smartphone con una cover rossa più consumata della mia.

https://www.foxnews.com/politics/nancy-pelosi-spends-thousands-lavish-italian-vacation-inflation-back-home-hits-40-year-high

Il campione europeo di falegnameria è altoatesino, si chiama Marcel Bolego e ha 22 anni. Lo scrive la Braunschwiger Zeitung; fosse per me non sapevo nemmeno che i falegnami avessero un proprio campionato che, per la cronaca, ha già avuto 14 edizioni a Colonia. La testata di Brunswick sottolinea come l’intero podio sia tedesco (considerando tedesco anche Bolego) e si compiace che la Germania sia la migliore nazione europea di carpentieri. Il giovane artigiano vive a Nalles, il paese delle rose, in provincia di Bolzano, e nei quattro giorni di prove ha sbaragliato la concorrenza, scrive l’articolo, rubando applausi a scena aperta.

https://www.braunschweiger-zeitung.de/wirtschaft/presseportal/article235841825/Der-beste-Zimmerer-kommt-aus-Suedtirol-Italien-Deutschland-ist-die-beste-Zimmerer-Nation-Europas.html

Dal Pakistan, The Tribune Magazine, dedica un lungo servizio a un poeta pakistano che da oltre Trent’anni vive in Italia. Premettendo che la comunità pakistana in Italia è la più grande d’Europa con circa 150mila immigrati, il servizio precisa che la stragrande maggioranza di loro ha un’istruzione limitata e lavora in agricoltura o come operaio. Però ci sono anche uomini d’affari, imprenditori, artisti e poeti come Umeed Ali che arrivò nel 1987. Umeed ha già pubblicato due volumi di poesie in Italiano che hanno venduto 10mila copie e il successo è ancora più considerevole visto che alle spalle non ha avuto alcuna grande casa editrice. Le sue opere sono già state tradotte in inglese, tedesco e spagnolo e la rivista americana Rolling Stones lo ha collocato tra i migliori poeti italiani viventi. Popolarità e riconoscimenti che, come sempre accade, non gli hanno dato una vita agiata. Oggi Umeed ha 60 anni, vive in alloggi malsani, la salute è precaria e raccoglie qualcosa recitando le sue opere in spiaggia e nei pub dove riesce a vendere qualche libro.

https://tribune.com.pk/story/2365286/a-pakistani-poet-in-italy

L’Università di Harvard lancia, in questi giorni, una ricerca un po’ controcorrente su ciò che l’Università di Bologna, il primo ateneo europeo, rappresentò agli albori dell’età moderna. David Lines, autore di questo “The Dynamics of Learning in Early Modern Italy / Le dinamiche dell’apprendimento nell’Italia della prima età moderna” ribalta il concetto che l’insegnamento impartito a Bologna, a studenti che la raggiungevano da tutto il continente, fosse un bastione del tradizionalismo per le pressione esercitate da Roma. Al contrario, sostiene questo studio, le arti, la letteratura e la medicina vi raggiunsero nuove vette fino al 1750. I documenti d’archivio, dimostra il professor Lines, mostrano come nei decenni la ricerca e le teorie contemporanee, sviluppate da personaggi del calibro di Cartesio o di Newton, vi fossero incorporate. Uno studio che vale la pena procurarsi.

https://www.hup.harvard.edu/catalog.php?isbn=9780674278424