Ristretto Italiano – 14 ottobre 2021

Ristretto Italiano – 14 ottobre 2021

Pensioni. Addio quota cento. Governo al lavoro per ammorbidire il ritorno alla Fornero-Monti.  Nei centri di detenzione pre espulsione, per i migranti gabbie come allo zoo. Come ai tempi di Cinecittà. Boom delle produzioni televisive italiane. Ritrovato negli Stati Uniti un rarissimo esemplare di macchina cifratrice italiana.

Quota cento è agli sgoccioli e l’Italia cerca un sistema per ammorbidire il passaggio al ritorno dei 67 anni per andare in pensione. Ne parlano a Wtvb, radio del Michigan, riprendendo una notizia dell’agenzia inglese Reuters. L’Italia resta, assieme alla Grecia, il Paese che spende di più in pensioni in tutta l’Unione Europea. Dal 2018a tutt’oggi con Quota100 si esce dal lavoro dopo 38 anni di contributi versati e a almeno 62 anni di età; il sistema precedente, quello al quale si tornerà dal primo gennaio prossimo, il Fornero-Monti, non lo permette prima dei 67 anni. Ed è così che i tecnici del Welfare pensano ora di espandere le opzioni fino a ora riservate a disoccupati, invalidi, usuranti a altre categorie. Oppure continuare a consentire la quota cento ma con un trattamento economico inferiore. Il Tesoro ha stimato che quota cento ha portato la spesa pensionistica al 17 per cento, un record assoluto.

https://wtvbam.com/2021/10/11/italy-prepares-plan-to-help-soften-early-pension-scheme-ending-sources-say/

Scappare dalla miseria, cercare rifugio in Italia, finire distrutti dallo Stato; quando l’Europa nega i diritti. E’ questo il titolo che State Watch, l’osservatorio sul rispetto delle libertà civili negli Stati Europei, da a una severa requisitoria sul Centro di Detenzione Pre-Allontanamento di Torino, il secondo più grande dei tredici presenti in Italia. Un libro nero scritto dopo il suicidio, in isolamento, del 22enne Moussa Balde proprio al Brunelleschi di Torino. In Italia la polizia può rinchiudere un immigrato senza documenti fino a 120 giorni – quattro mesi – indipendentemente dall’aver commesso reati. Un tipo di detenzione che viene usato quando un migrante non può essere immediatamente respinto al Paese d’origine. Al CPR di Torino, dunque, gli ospiti – per usare un eufemismo – sono rinchiusi in dodici gabbie, ognuna delle quali dispone di un atrio – sempre diciamo – all’entrata. Come negli zoo di vecchia memoria. Per arredamento una sedia e un tavolo inchiodati al pavimento. La vista del cielo è solo parziale. Al Brunelleschi – scrive il rapporto – la gente cammina sull’orlo di un precipizio.

https://www.statewatch.org/news/2021/october/italy-the-black-book-on-the-pre-removal-detention-centre-cpr-of-migrants-in-turin/

L’attore americano Jared Leto afferma di essere stato ‘lacrimogenato’ sabato scorso a Roma dopo essere stato risucchiato in una protesta che a fatica ha capito contro che cosa fosse. L’attore e cantante di 30 seconds to Mars ha condiviso su Instagram un filmato in cui si vedono manifestanti e polizia. Ma non lui, precisa puntiglioso Yahoo News, che quindi non può confermare sue in effetti sia stato colpito da lacrimogeni. Da quello che ho capito, ha scritto Leto, c’erano di mezzo vaccini e certificati. L’articolo spiega, poi, significato e sostanza dei Green pass.

https://news.yahoo.com/jared-leto-says-tear-gassed-083332529.html

Tempi di boom per la Televisione Italiana. Lo scrive la rivista di spettacolo americana Variety che analizza i movimenti sulle proprietà delle case di produzione e distribuzione. Nonostante la pandemia le serie televisive hanno lavorato senza sosta se consideriamo che la produzione 2021 è stimata di 500 milioni di euro contro i 409 del 2018. Un boom, quello italiano, dovuto al crescente interesse delle piattaforme streaming che vede le case italiane acquisite da colossi non italiani in un’ottica di consolidamento dell’industria dei media europei. A settembre il gruppo Fremantle, della rete tedesca RTL, ha avviato le trattative per inglobare Lux Vide, la società che ha prodotto I Medici e Leonardo. E, sullo sfondo, si studiano nuove regole per la presenza in Europa di Netlifx, Prime, Disney.

https://variety.com/2021/tv/spotlight/boom-times-italian-tv-biz-1235082353/

Un raro esemplare di macchina cifratrice prodotta in Italia alla vigilia della Seconda Guerra Mondiale, e ritenuta perduta da tempo, è stata rinvenuta negli scantinati della base americana di Forte Meade, nel Maryland. All’epoca, nel 39, il metodo per la scrittura e la lettura dei messaggi segreti che andava per la maggiore era quello tedesco chiamato Enigma; sistema che però tramontò presto in quanto decifrato dagli inglesi. E fu in quegli anni che Mussolini incaricò l’italiana OMI (Ottico Meccanica Italiana) di studiare un nuovo prototipo. Il risultato fu la Criptograph Alpha che resse fino alla fine degli anni 50 e gli esemplari furono talmente pochi che ritrovarne uno ora, sessant’anni dopo, è stata una grossa notizia per i collezionisti. 

https://www.nsa.gov/Press-Room/News-Highlights/Article/Article/2805749/long-lost-and-rare-italian-cipher-machine-found/