Ristretto Italiano – 16 febbraio 2022

Ristretto Italiano – 16 febbraio 2022

Draghi, un anno di governo: più apprezzamenti che critiche. Vaccino anticovid: identificata una proteina per tutte le varianti. Italiano il primo uomo al mondo che ha ripreso a camminare dopo una lesione al midollo. Sessismo: l’Italia che resiste.

Il governo Draghi ha compiuto un anno. Ai tanti articoli sulla stampa nazionale altri se ne affiancano sui media esteri. Uno per tutti prendo l’articolo della tedesca Deutsche Welle che elenca gli indiscutibili successi portati a casa da Super Mario. A cominciare dalla gestione della campagna vaccinale affidata a un generale, scelta che sulle prime è apparsa bizzarra, salvo constatare che in un anno abbiamo vaccinato nove italiani su dieci; esperienza con la quale si complimentò pubblicamente anche Angela Merkel definendolo un esempio da seguire. Poi il green pass che ci ha permesso di chiudere le attività commerciali e imprenditoriali meno di tanti altri. E poi l’imponente Recovery Fund con tutti i compiti fatti, vale a dire le riforme richieste, per poterlo portare a casa. Resta una domanda: quanto durerà un sostegno ampio come quello di oggi, con i mal di pancia di Salvini?

https://www.dw.com/el/%CE%BC%CE%AC%CF%81%CE%B9%CE%BF-%CE%BD%CF%84%CF%81%CE%AC%CE%B3%CE%BA%CE%B9-%CE%AD%CE%BD%CE%B1%CF%82-%CF%87%CF%81%CF%8C%CE%BD%CE%BF%CF%82-%CF%83%CF%84%CE%B7%CE%BD-%CE%B5%CE%BE%CE%BF%CF%85%CF%83%CE%AF%CE%B1/a-60762301

Identificato un vaccino anti Covid a base di una proteina valida per tutte le varianti del coronavirus. Accade in Italia, trovo la notizia sullo spagnolo El Universo. Domenica scorsa l’Istituto Superiore di Sanità ha pubblicato uno studio preclinico a base di una proteina che, a differenza della spite, è capace di dare una risposta efficace a tutte le varianti. I test effettuati sui roditori si sono rivelati efficaci generando una risposta immunitaria efficace e di lunga durata. Ora si passerà agli studi clinici sull’uomo.

https://www.eluniverso.com/noticias/internacional/en-italia-prueban-una-vacuna-basada-en-proteina-para-todas-las-variantes-del-coronavirus-nota/

Non conoscono sosta i naufragi nel Mediterraneo anche se ormai avvengono nella totale indifferenza dei media italiani. Ed è così che apprendo dello svernamento di una barca con 21 migranti a bordo, diretti a Lampedusa, da parte di un peschereccio libico. Nell’urto cinque passeggeri sono caduti in mare e solo in due sono riusciti a risalire e a raggiungere Lampedusa. La notizia, che ho raccolto dal canale greco della  CNN è stata riportata da numerosi siti e giornali greci.

https://www.cnn.gr/kosmos/story/301262/italia-varka-me-21-metanastes-emvolistike-apo-livyko-alieytiko-anazitoyntai-treis-anthropoi

E’ italiano, ha 29 anni,  e si chiama Michael Rocatti il primo uomo al mondo che ha ricominciato a camminare, dopo quattro anni di immobilità agli arti inferiori, grazie a un dispositivo elettronico impiantato nella regione del midollo spinale. Vittima quattro anni di un incidente che gli recise il midollo ne ha parlato egli stesso in una intervista al Daily Mail. Il dispositivo, messo a punto dall’Istituto Federale Svizzero di Losanna, svolge il ruolo del cervello inviando stimoli ai nervi associati al movimento e attivando i muscoli del tronco e delle gambe. Il paziente ha però bisogno di un deambulatore dotato di pulsanti da spingere per il sollevamento delle gambe ed è per questo ancora troppo rudimentale per essere utilizzato nella quotidianità.

https://www.gamingdeputy.com/it/android/tre-paraplegici-camminano-di-nuovo-dopo-limpianto-rivoluzionario/

Da Amsterdam, NRC dedica un lungo servizio alla battaglia delle giornaliste e delle donne di spettacolo italiane contro il sessismo in televisione. L’Italia, leggo, è un Paese che resiste al cambiamento; grandi passi verso la parità in Parlamento, poco o niente in Tv. Cliché sessisti a parte (come quello del conduttore uomo affiancato da una valletta procace; o ancora quello della ballerina che in uno sketch RAI insegna alle donne come essere sexy mentre fanno la spesa) in Italia per una donna fare carriera in TV senza, diciamo, fare la carina è assai difficile. E cita un sondaggio dell’associazione stampa italiana nel quale, sulla base di 1132 intervistati, l’85 per cento risponde di avere ricevuto molestie sessuali nel mondo dei media; molestie avvenute, in un caso su due, nello stesso anno del sondaggio che era il 2019, successivamente, oltretutto, alla campagna mondiale del me too. Solo 2 su dieci hanno risposto mai e solo due su cento dei molestati ha dichiarato di avere denunciato l’accaduto.

https://www.nrc.nl/nieuws/2022/02/13/seksisme-a-la-silvio-berlusconi-is-in-italie-nog-altijd-geen-verleden-tijd-a4088504