Ristretto Italiano – 2 agosto 2022

Ristretto Italiano – 2 agosto 2022

Allentate i controlli sulle navi dei migranti: ce lo ordina la Corte di Giustizia Europea. Meloni International. Salgono le quotazioni di Fratelli d’Italia ma non tutti ci credono. Truffa dello specchietto in salsa fiorentina: virale il video di un’influente americana.

L’Italia allenti l’insistenza dei controlli su ogni nave di soccorso migranti. Lo ha stabilito la Corte di Giustizia Europea dopo le ripetute proteste degli assistenti che si lamentano delle molestie. Il tribunale europeo con sede in Lussemburgo, come riferisce l’agenzia di stampa DPA, ha disposto che per potere salire a bordo le autorità devono dimostrare che esistono indicazioni attendibili di rischi per la salute, la sicurezza, le condizioni di lavoro a bordo, l’ambiente. L’affollamento delle persone a bordo, di per se, non basta. La stessa corte ha poi sottolineato che esiste un obbligo, ai sensi del diritto internazionale, di aiutare le persone in pericolo in mare. Sentenza che dimostra come, anche da quando Salvini non è più al Viminale, la pressione dell’Italia su chi soccorre i migranti resta elevatissima. E’ solo meno propagandata.

https://www.nordbayern.de/politik/italien-darf-rettungsschiffe-nicht-grundlos-kontrollieren-1.12394199

Quale governo aspettarsi se Giorgia Meloni dovesse prendere il potere in Italia? Se lo chiede, dal Canada, La Presse. E questa è la risposta che si dà: se Meloni vincerà ci sarà molta retorica accesa ma il suo margine di manovra sarà limitato in quanto la sua politica di destra radicale potrebbe essere riformulata da Bruxelles. Se, infatti, Meloni dovesse cominciare a mettere in discussione le riforme Draghi, riforme richiesta dall’Unione, l’Italia rischierebbe di grosso i 200 miliardi promessi dall’Europa. Sempre la Presse, poi, immagina che questo sarebbe un governo destinato a durare poco visto le tensioni, già acute, all’interno della sua alleanza. Sia Salvini che Berlusconi, infatti, sono alla ricerca di espedienti per impedirle due guidare davvero lei il Paese, nonostante il suo ruolo cruciale per la coalizione.

https://www.lapresse.ca/international/europe/2022-07-31/nos-questions-nos-reponses/giorgia-meloni-soeur-d-italie.php

Ma il fatto che Fratelli d’Italia e Giorgia Meloni vincano, benché previsto dai sondaggi, è tutt’altro che scontato per il francese Journal du Dimanche. E le ragioni sono più di una. Per cominciare il conflitto latente nel centro destra con una Meloni che ha detto chiaramente di mirare a Palazzo Chigi e gli altri due leader, come dicevamo, visibilmente poco convinti. E poi ci sono tutte le incognite legate alle potenzialità del Partito Democratico e alla reale capacità di saperle esprimere. Prima di tutto la scelta dei temi in campagna elettorale che, se si limiterà al pericolo fascista e sovranità sarà perdente, ma se saprà fare tesoro comune della cosiddetta Agenda Draghi non è proprio detto. E poi, come chiosava anche il giornale canadese, gli equilibri fra Italia e resto del mondo. I margini di manovra di qualsiasi governo verrà sono assai limitati per la cronica instabilità italiana e i noti fattori strutturali: vincoli di bilancio, posizionamento europeo e atlantico, necessità di non perdere i soldi del Recovery Fund. E questo molti elettori lo sanno…

https://www.lejdd.fr/International/italie-pourquoi-les-elections-de-septembre-sont-loin-detre-jouees-davance-4126023

Siccità in Italia tra pessima gestione della rete idrica e furti d’acqua. E’ Forbes che, dopo avere ricordato che le timide precipitazioni dei giorni scorsi non hanno certo alleviato la crisi che stiamo attraversando da mesi, la situazione resta estremamente critica nella pianura del Po. Nel 2020, ricorda la rivista americana, in Italia il 36,2 per cento dell’acqua immessa nella rete è andato disperso (ultimi dati Istat a disposizione) e, fenomeno di queste ultime settimane, si moltiplicano i furti d’acqua dai canali e dai fiumi per irrigare i campi. 40 i casi accertati nel solo Piemonte a Luglio.

https://www.forbes.com/sites/danieladelorenzo/2022/07/31/italy-between-water-thefts-and-water-management/?sh=35f3c19c5a0f

La cosiddetta truffa dello specchietto, nelle sue mille interpretazioni, non conosce confini. Un tempo era l’automobilista che ti sfiorava sostenendo che tu urtandolo gli avevi rotto lo specchietto e ti chiedeva un rimborso. Io ne fui vittima a New York, in Time Square, quando un tizio mi accusò di avergli fatto cadere gli occhiali con l’ombrello. E nelle città d’arte italiane, quest’estate affollate all’inverosimile da turisti, oggi è in voga l’ambulante che stende la propria mercanzia sui marciapiedi salvo accusarti di averla calpestata. Come documenta, in un video diventato virale, un’inflencer di viaggi statunitense a Firenze. La ripresa è su un tale che stende a terra disegni e riproduzione di dipinti e poi ferma i turisti che, naso all’aria, l’avrebbero calpestata (anche se non è vero). Non pagate mai, avverte l’autrice del video. Prendete il telefono e chiamate il 113. Così come non lasciatevi infilare in mano nessun fiore che fingano di regalarvi. Saranno solo seccature.

https://www.google.com/search?q=numero+polizia+113&rlz=1C5CHFA_enIT954IT954&oq=numero+polizia+113&aqs=chrome..69i57j0i512j0i22i30l2j0i15i22i30.8577j0j15&sourceid=chrome&ie=UTF-8