Ristretto Italiano – 21 gennaio 2022

Ristretto Italiano – 21 gennaio 2022

Draghi: è l’ora di scoprire le carte. Berlusconi: fallita l’offensiva del fascino. Italiani furiosi: tazzina del caffè alle stelle. Robinho vada in carcere.

Quirinale: Per Draghi è arrivato il momento di giocarsi le sue carte. Lo scrive l’agenzia di stampa greca Indicator che riferisce degli incontri informali che il presidente del consiglio, papabile fra i papabili, ha avuto col il Presidente Mattarella, con i 5 stelle e il PD. Secondo la redazione greca Draghi ha voluto sondare il reale supporto che avrebbe nel caso rendesse manifesta la sua disponibilità a correre. Perché non c’è nulla di peggio, a questi livelli, che entrare papi e uscire cardinali; ne andrebbe della sua credibilità e anche del suo futuro a Palazzo Chigi. L’intera situazione – commentano ancora da Atene – potrebbe chiarirsi oggi quando il centrodestra dirà se Berlusconi è ancora il candidato comune.

https://indicator.gr/italia-o-mario-ntragki-paizei-ta-chartia-toy-enopsei-tis-eklogis-toy-proedroy-tis-dimokratias

E mentre l’ipotesi Berlusconi sembra svanire nelle ultime ore, da Londra The Guardian pubblica un simpatico ritratto del Cavaliere seduttore che telefona a decine di deputati in cerca d’autore del gruppo misto. Se qualcosa manca nelle 22 ragioni per votarlo, che accompagnano le inserzioni di questi giorni sui quotidiani italiani, quel qualcosa è il suo talento canoro già dimostrato in tempi remoti sulle navi da crociera. Una voce alla Frank Sinatra che ha chiamato a sorpresa e personalmente i presunti deputati in vendita, talvolta a sera tarda, e gli ha sussurrato, testualmente, venga nel partito del bunga bunga. Un’offensiva di fascino e di autoironia che non sembra avere dato però i numeri desiderati; e che si dice abbia gettato in uno stato di profonda frustrazione i parlamentari il cui telefono è rimasto muto…

https://www.theguardian.com/world/2022/jan/18/silvio-berlusconi-courts-parliamentarians-in-italy-presidential-bid

Italiani furiosi per l’aumento del costo della tazzina di caffè arrivato a nuovi record. Lo scrive da Londra il Times annotando come dalla media di un euro, al bar, il classico ‘ristretto italiano’ abbia superato l’1,10 e potrebbe arrivare a breve a un euro e mezzo. E Assoutenti ha confermato al Times che, circa il 76 per cento dei 160mila bar italiani ha aumentato i prezzi di tutta la tradizionale colazione italiana, compresi cornetti e snack. Il rito di 5 milioni e mezzo di italiani – commenta il quotidiano inglese – si sta trasformando in un privilegio per ricchi; d’altra parte è molto probabile che, pur mugugnando, gli italiani non rinunceranno a una parte così importante della routine quotidiana. I prezzi globali del caffè sono aumentati vertiginosamente nel 2021 per le cattive condizioni meteo nei paesi produttori e la conseguente scarsità dei raccolti.

https://www.businessinsider.com/italians-furious-as-the-cost-of-espresso-soars-2022-1?r=US&IR=T

Offesa all’onore e al prestigio di un pubblico ministero: questo il reato istituito nel nostro Paese in epoca fascista che sta constando parecchie rogne al regista statunitense Kelly Duda che ora rischia una condanna. I fatti si riferiscono a quando nel 2017 venne a Napoli per testimoniare sulle vittime del sangue infetto riconducibili al caso Poggiolini; Duda sulla vicenda del plasma prelevato ai prigionieri dell’Arkansas e venduto anche in Italia ci fece un film. E – come scrive Iirish Times –  fu propri durante quell’udienza che, rivolgendosi al pubblico ministero che stava cercando di screditare le sue parole, ebbe a dirgli “Nel mio Paese quello che lei ha fatto oggi è considerato vergognoso”. E ora sotto processo c’è lui, per offesa al prestigio di un pubblico ministero”

https://www.irishtimes.com/news/world/europe/us-filmmaker-faces-trial-in-italy-after-testifying-in-tainted-blood-scandal-case-1.4781400

Robinho? La sentenza va eseguita. Se fosse in Italia sarebbe già in carcere. Questo il titolo che il giornale sportivo portoghese O Jogo dedica alla condanna a 9 anni per stupro di gruppo, da ieri definitiva dopo la Cassazione, che ha giustizia italiana ha inflitto al calciatore brasiliano. I fatti risalgono al 22 gennaio del 2013, esattamente nove anni fa, quando Robinho, e un gruppo di amici, violentarono una ragazza, dopo averla indotta a bere fino a perdere conoscenza, in un locale della movida milanese. L’ex attaccante del Milan ora si trova in Brasile, paese che non consente l’estradizione dei propri cittadini per nessun motivo, ma, per effetto del mandato di cattura internazionale, potrebbe essere arrestato qualora mettesse piede in Paesi come Argentina, Australia, Canada, Stati Uniti, Regno Unito e tutta l’Unione Europea.

https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/calcio/2022/01/19/stupro-di-gruppo-cassazione-conferma-9-anni-per-robinho_3929fda6-efb9-471a-a3fd-4222758cbf86.html