Ristretto Italiano – 22 novembre 2021

Ristretto Italiano – 22 novembre 2021

Covid: Alto Adige in piena quarta ondata.  35mila distributori per le auto elettriche entro il 2030: partito dall’Italia il progetto Atlante. In attesa di testimonia in aula Richard Gere racconta al Guardian ciò che vide a Lampedusa. Gli italoargentini e la cucina italiana: solo una vaga idea.

L’estremo nord italiano di lingua tedesca è in piena quarta ondata. Lo scrive la rivista americana Politico.Eu sottolineando la resistenza degli altoatesini al vaccino. E si danno una spiegazione a cominciare dalla storica sfiducia per tutto ciò che fa il governo centrale di Roma e alla conseguente bassa percentuale di vaccinati. Aggiungiamo una storica predisposizione verso le medicine alternative per il forte legame con la natura e poi gli stretti legami con la vicina Austria dove la popolazione è particolarmente ostile alla vaccinazione. Con 405 casi su 100mila Bolzano oggi è una delle province in assoluto messe peggio in Italia.

https://www.politico.eu/article/italy-german-speaking-bolzano-south-tyrol-coronavirus-surge/

Al via in Italia la più grande rete di ricarica rapida del Sud Europa  per le auto elettriche. Lo scrive dalla Spagna El Confidencial illustrando il Progetto Atlante, cui partecipano Stellantis, NHOA Group e Free2Move eSolutions. 700 distributori di elettricità per auto sono già stati individuati di cui il 10 per cento è già in fase di installazione. Entro il 2025 è previsto che ce ne saranno 5mila tra Italia, Francia, Spagna e Portogallo; 35mila entro il 2030. La prima stazione di questa rete è già stata inaugurata in Piemonte il mese scorso.

https://www.elconfidencial.com/motor/nueva-movilidad/2021-11-21/atlante-red-europea-carga-coche-electrico-stellantis_3327890/

Quando in Toscana un amico mi ha detto che aiutare le persone in difficoltà in Italia era diventato reato non ci potevo credere. Lo ha dichiarato Richard Gere al’inglese The Guardian in un’intervista sull’esperienza del 2019 a bordo della Open Arms; esperienza che lo poterà presto a testimonia nel processo contro Salvini. A bordo c’erano oltre cento persone allo stremo – ha aggiunto – persone che se gli avessero detto che sarebbero tornati in Libia si sarebbero gettate in mare e sarebbero affogate lì. Poi rievoca l’estenuante braccio di ferro di quando, arrivato a Lampedusa, dopo avere acquistato una grande quantità di cibo e acqua, in un primo momento gli fu impedito di avvicinarsi alla nave. La data della testimonianza non è ancora stata fissata.

https://www.theguardian.com/global-development/2021/nov/19/richard-gere-open-arms-rescue-boat-heart-of-salvini-trial

Esce il primo dicembre in Corea del Sud l’ultimo film di Paul Verhoeven Benedetta, la storia di una suora lesbica in un convento della Toscana del Diciassettesimo secolo. Lo recensisce MK News spiegando che il racconto si basa su una storia vera, emersa dagli archivi nazionali di Firenze negli scorsi anni 80, e che il film è un intreccio di religione, sessualità e ambizione umana in un’epoca di peste e di fede. In Corea il film è vietato ai minori.

https://www.mk.co.kr/news/culture/view/2021/11/1086803/

Comincia domani la Sesta Settimana della cucina Italia Nel Mondo e dall’Argentina, Infobae, la anticipa con un simpatico articolo intitolato: La cucina italiana in Argentina è solo un’illusione creola? E leggendo l’articolo capisco che gli argentini della cucina italiana hanno un’idea assai particolare.  Per cominciare in Italia i Sorrentinos, ravioli di formaggio e prosciutto al pomodoro, non li hanno mai sentiti nominare. Italiani che il pesto genovese lo fanno con i pinoli, per cui quello con noci o mandorle non lo amano; italiani le cui nonne da tempo non friggono più le cervella di agnello o maiale e tantomeno si rendono conto di che cosa sia se, alla spagnola, lo chiamate seso frito. Anzi, si confondono proprio…

https://www.infobae.com/sociedad/2021/11/21/la-cocina-italiana-es-en-argentina-solo-una-ilusion-criolla/

Tags: