Ristretto Italiano – 25 giugno 2021

Ristretto Italiano – 25 giugno 2021

Roma, la Santa Sede e Legge Zan: dall’estero ci osservano; Unione Europea e migranti: ultimatum di Draghi; Ecco perché niente cappuccino dopo mezzogiorno; Christian Eriksen: nemmeno il defibrillatore interno gli potrà riaprire le porte dell’Italia.

La grana Italia-Santa Sede sulla legge Zan trova eco anche all’estero. Il city magazine serbo Noizz riferisce che il Vaticano, con una nota formale, mette in guardia l’Italia dalla possibilità di violare il Concordato. Il problema sarebbe, secondo il cardinale Gallagher, che punendo espressioni critiche nei confronti di orientamenti sessuali diversi, la legge violerebbe la libertà di credo. // Le scuole cattoliche, inoltre, non sarebbero esentate dall’obbligo a partecipare alla giornata nazionale contro l’omofobia. Una discussione, aggiungiamo noi, che ha tenuto viva la discussione sui questi temi alla vigilia della Pride Pare di domani.

https://noizz.rs/noizz-news/vatikan-trazi-da-italija-povuce-zakon-protiv-homofobije/d2823tc

Draghi sollecita una presenza più incisiva dell’Unione Europea nel rimpatrio dei migranti irregolari e nella creazione di corridoi comunitari per gli aventi diritto. La testata russa Istoè riferisce che il nostro presidente del consiglio ha annunciato alla Camera che si farà portavoce di queste istanze al Vertice del Consiglio Europeo in corso.

https://istoe.com.br/premie-da-italia-cobra-ajuda-da-ue-para-repatriar-migrantes/

Dalla Grecia Thermisnews svela una realtà che da sempre ci sfuggiva. Perché in Italia non ti danno il cappuccino dopo le undici? A parte che “ma quando mai?”, leggo che il latte da una certa ora in poi è indigesto e quindi va consumato solo di mattina presto. || Segue l’esaltazione del sapore unico, anche se non da tutti gli stranieri apprezzato, del caffè espresso. || E la chicca in conclusione, dove i greci ti dicono che dopo le 23 puoi chiedere un caffè con una fetta di limone. E qui le cose sono due: o con un anno di coprifuoco mi sono perso l’ultimo grido della movida, possibile, o || forse scambiano un rimedio della nonna contro il mal di testa con una bizzarra consuetudine.

https://www.thermisnews.gr/2021/06/11_01520416395.html

Che cosa dicono i cardiologi della carriera di Eriksen in Italia? Se lo chiede la testata tedesca Reinische Post dopo la fortunata resurrezione sul campo il 12 giugno scorso e dopo l’impianto di un defibrillatore automatico in caso di nuove crisi. La legge italiana, come sappiamo, è una delle più rigide, se non la più rigida al mondo a salvaguardia della vita degli sportivi e, anche nel caso specifico di un defibrillatore interno, il semaforo resta rosso. || L’ICD resta, peraltro, un salvavita estremo ma che ci si augura non debba entrare in funzione. Se intercetta un falso allarme, le scosse sono molto dolorose e comunque lasciano un segno. E poi, conclude il giornale tedesco, nessuno sa ancora con precisione che cosa affligga Christian Erikson.

https://rp-online.de/sport/fussball/em/christian-eriksen-was-kardiologen-zum-karriere-ende-in-italien-sagen_aid-60009943

Chiudo col momento del gufo. “Verrà il momento in cui gli italiani ricominceranno a perdere” titola sportsroom, sempre dalla Grecia, riportando le parole del CT della Nazionale Austriaca Franco Foda in vista dell’incontro di domani sera. Sono imbattibili da trenta partite – riconosce, parlando di noi – ma arriverà un momento in cui ricominceranno a perdere. E lui si impegna a mettercela tutta perchè ciò accada ora. Ma ci mancherebbe, per carità… certo la vittoria sull’Ucraina deve avergli messo un minimo di ansia.

https://sportsroom.gr/podosfairo/fifa-uefa/euro-2020/fonta-tha-erthei-i-stigmi-pou-tha-chasoun-ksana-oi-italoi/