Ristretto Italiano – 26 giugno 2022

Ristretto Italiano – 26 giugno 2022

30 centesimi per ogni litro di carburante: prorogati gli aiuti del governo. Scesa intanto la nostra dipendenza dal gas russo dal 40 al 25 per cento. Auto elettrica. Nuovi investimenti di Stellantis su Orbassano.

30 centesimi su ogni litro di benzina e diesel. L’iniziativa del governo italiano, che sarebbe dovuta scadere il 30 giugno, è stata prorogata per tutto il mese di luglio ed è una decisione che desta ammirazione anche all’estero, come dimostra la notizia del catalano La Vanguardia. Il prezzo medio della benzina oggi, in Italia, è di due euro e 5 centesimi; meno che in Spagna, Portogallo, Svizzera, Grecia e a livello di Francia e Austria. Meglio di noi solo per gli automobilisti tedeschi, sloveni, croati.

https://www.lavanguardia.com/vida/20220624/8364272/italia-amplia-2-agosto-rebaja-0-30-euros-carburantes.html

E da Londra Reuters plaude alla capacità di Draghi, e dei suoi ministri, di aver saputo far scendere, da gennaio a oggi, la dipendenza dell’Italia dal Gas Russo dal 40 per cento al 25 per cento. Come altre nazioni il nostro Paese non ha perso tempo a diversificare le fonti di approvvigionamento dopo l’invasione dell’Ucraina. Ora la scommessa sta nella capacità di aumentare lo stoccaggio prima dell’arrivo dell’inverno, obiettivo centrale per riuscire a contenere l’inflazione. Reuters riferisce inoltre che la battaglia di Draghi per ottenere un impegno da parte di tutti i Paesi a definire un tetto al prezzo del gas è ancora tutta in salita.

https://www.reuters.com/business/energy/italys-dependence-russian-gas-down-25-40-draghi-says-2022-06-24/

Ancora motori. Continuano gli investimenti di Stellantis in Italia. Il sito greco Motoriste scrive che la Holding ex Fiat spenderà 33 milioni di euro per implementare il Centro Prove di Orbassano, a Torino, e nel corrispondente di Auburn Hills, nel Michigan. L’intervento sarà volto a un ulteriore sviluppo dei programmi di guida autonoma, efficienza aerodinamica, ricarica a induzione nella quale la nuova 500 gioca un ruolo da protagonista. L’obiettivo rimane quello di ridurre le emissioni di carbonio del 50 per cento entro il 2030 e di raggiungere lo zero entro il 2038.

https://www.motorsite.gr/eidisis/8781-stellantis-3

Italia non solo vittima ma anche protagonista di sottrazione di reperti archeologici stando almeno a un articolo di InfoBae. La testata argentina riferisce che ieri a Panama due importanti reperti precolombiani recentemente ritrovati nel Napoletano, sono stati restituiti alle autorità dello stato centroamericano. Si tratta di due vasi in terracotta policroma con decorazioni fatti risalire all’epoca del Gran coclè, tra l’850 e l’anno mille dopo cristo. Nella stessa operazione dell’Unità di Tutela dei Beni Culturali sono state rinvenute diverse altre opere d’arte.

https://www.infobae.com/america/agencias/2022/06/25/italia-devuelve-a-panama-dos-piezas-arqueologicas-precolombinas-robadas/

Pompei non finisce di sorprendere. I giornali di tutto il mondo pubblicano in questi giorni la foto della tartaruga con l’uovo in grembo trovata fra le rovine di una casa distrutta dal terremoto che nel 62 dopo cristo precedette di diciassette anni la distruzione totale provocata dal Vesuvio. Come scrive il Guardian da Londra, gli archeologi ritengono che la tartaruga di Herman, lunga 14 cm, avesse deliberatamente cercato rifugio tra quei ruderi, troppo danneggiati per essere ricostruiti, per deporre l’uovo. E – ha detto il direttore degli scavi Zuchtriegel – è un’istantanea di quella che fosse la vita durante la ricostruzione post terremoto. Un ritrovamento che si aggiunge a questo mosaico di relazioni tra civiltà e natura, comunità e ambiente che rappresenta la storia dell’antica Pompei”.

https://www.theguardian.com/world/2022/jun/24/pompeii-excavation-unearths-remains-of-pregnant-tortoise-egg-mount-vesuvius