Ristretto Italiano – 27 agosto 2021

Ristretto Italiano – 27 agosto 2021

Vaccini ultima chiamata. Poi si passa alla somministrazione obbligatoria; Gli italiani distruggono l’Italia: impietoso j’accuse del Groene Amsterdammer; Sciolta dal Vaticano la seconda comunità spirituale in pochi mesi.

“Questa è l’ultima chiamata” – Il titolo della FAZ si riferisce alle parole del sottosegretario alla salute, Sileri, sulla necessità che gli italiani riprendano a vaccinarsi numerosi altrimenti, dopo c’è solo l’obbligo; l’obiettivo dell’80 per cento entro settembre si fa di giorno in giorno più inarrivabile. E per l’obbligo il governo penserebbe di partire dai 40 anni in su. Se in Italia già esiste l’obbligo per il personale sanitario, ora si discute sui dipendenti del trasporto pubblico, personale dei supermercati, funzionari agli sportelli. E dal 1 settembre il Green Pass sarà obbligatori per prendere i mezzi pubblici. E resta irrisolto l’impasse creatosi tra imprenditori e sindacati sui dipendenti e le mense aziendali. 

https://www.faz.net/aktuell/politik/ausland/italien-impfpflicht-wird-moeglicherweise-eingefuehrt-17499447.html

Gli italiani distruggono l’Italia. Lo scrive dall’Olanda De Groene Amsterdammer. Il Paese con il maggior patrimonio di bellezza al mondo quest’estate è stato una specie di campo di battaglia per devastazioni di ogni genere. Dalle Dolomiti alla tacco dello Stivale è come se fossero passati gli eserciti nemici. A partire dagli incendi al Sud, i peggiori d’Europa e i peggiori di sempre in Italia; incendi innescati dall’uomo che, quasi sempre, è un italiano animato da folli ragionamenti criminali. In Puglia quel poco di dune sabbiose rimaste sulle coste sono stati presi d’assalto da macchine che pretendono di arrivare fin sulla spiaggia, da rifiuti lasciati sparsi in riva al mare, da falò accesi con la vegetazione locale. E poi il rave party di Viterbo lasciato andare per giorni senza che le autorità intervenissero, e ancora i serpentoni di auto sulle Dolomiti e gli escursionisti che parcheggiano sui prati, raccolgono i fiori e si fanno i selfie. Una fotografia impietosa degli italiani, ma nessuno di noi può obiettare che non è vero.

https://www.groene.nl/artikel/de-italianen-vernietigen-italie

Il Vaticano scioglie un altro movimento spirituale in Italia. Ne parla il servizio di comunicazione della Chiesa Cattolica Svizzera in riferimento alla chiusura della comunità Regina Pacis di Verona. Il gruppo esiste da 35 anni ed è formato da poche decine di credenti. Il Vescovo di Verona ha spigato che la ‘dolorosa decisione’ è stata presa per mancanza di originalità, per un carisma inaffidabile, per carenza di leadership e difficoltà organizzative. Nebbia sul futuro della scuola in Brasile della Regina Pacis che fino a ora ha ricevuto borse di studio e non è nemmeno chiaro che ne sarà ora del processo di beatificazione del fondatore, Alessandro Nottegar, morto nell’86 a 43 anni, cui Papa Francesco nel 2017 aveva conferito il ‘grado eroico della virtù”.

https://www.kath.ch/newsd/vatikan-loest-weitere-geistliche-bewegung-in-italien-auf/

Abbandonata Roma, a quale altra città toccherà il gravoso compito di organizzare l’Eurovision Song Contest del 22, dopo la vittoria dei Maneskin? Se lo chiede in un servizio la radiotelevisione serba. In lista restano Milano, Torino, Bologna, Rimini, Pesaro e Sanremo. Ma per nessuno sarà una passeggiata dal momento che sono richiesti una struttura chiusa da almeno 8mila spettatori, 2000 camere d’albergo libere nelle vicinanze, un aeroporto internazionale non più distante di 90 km, infrastrutture in grado di funzionare da sei settimane prima a una dopo. Niente di tutto ciò sarebbe stato disponibile a Roma e per la capitale, oltretutto città d’origine dei Maneskin, non è uno smacco di poco conto.

https://www.rts.rs/page/magazine/ci/story/421/muzika/4489323/pesma-evrovizije-italija-rim-.html