Ristretto Italiano – 27 aprile 2022

Ristretto Italiano – 27 aprile 2022

Pronto il nuovo miracolo di Draghi: fare soldi con la nuova compagnia aerea nazionale. Il mondo intero saluta Chiellini, in procinto di abbandonare gli Azzurri. Quella volta che Mussolini esiliò gli omosessuali.

Far soldi con la compagnia aerea di bandiera: Draghi potrebbe essere in procinto di compiere il nuovo miracolo, uno dei trionfi più impressionanti. Lo scrive il sito di analisi politica statunitense Politico sulla base di alcune informazioni raccolte a palazzo Chigi, anche se gli interessati negano. Sembra più di un si dice, infatti, il fatto che ITA Airways, la compagnia che ha preso il posto di Alitalia, faccia gola a parecchi. E in pole ci sarebbe Lufthansa, unita al colosso marittimo MSC, per fare un’offerta iniziale compresa tra un miliardo e due e un miliardo e mezzo di euro. E altre manifestazioni di interesse sarebbero nell’aria con Air-France-KLM, in partnership col fondo di private Equity Certares e una terza dal gruppo americano Indigo Partners. Il governo italiano manterrebbe una quota di minoranza traendo anche un profitto sull’investimento. “Alitalia è una metafora del nostro Paese e della sua traiettoria”, conclude l’articolo. Aspettiamo e vediamo…

https://www.politico.eu/article/mario-draghi-coup-money-italy-airline-ita-alitalia/

L’addio di Giorgio Chiellini alla Nazionale sta facendo il giro del mondo. Sono decine e decine le testate che riferiscono l’annuncio del suo addio. Prendo il tedesco Neunzig Minuten che tutela Finalissima come ultima partita internazionale: Chiellini chiude la carriera in nazionale. Il difensore azzurro ha scelto infatti l’incontro del 1 giugno, a Wembley, fra Italia e Argentina per la sua uscita di scena. Chiellini ha giocato in nazionale 116 partite e si colloca al quarto posto tra i primatisti italiani: solo Buffon, Cannavaro e Maldini sono stati utilizzati più di lui. 

https://www.90min.de/posts/giorgio-chiellini-italien-natioalmannschaft-karriere-ende

La storia del controllore ferroviario italiano licenziato per eccesso di zelo (anche se poi reintegrato dal giudice) non poteva non fare il giro del mondo. E ora me la ritrovo su Latina, sito multimediale francese. Francesco Bonanno, 61 anni, aveva perso il posto a Trenitalia per avere commesso errori in 175 verbali sulle 5mila multe elaborate in soli due anni. Riuscendo a dimostrare che gli errori rappresentavano solo il 3,5 per cento del totale il controllore inflessibile ha avuto l’appoggio dei giudici. Del resto – commenta il sito francese – le sue contravvenzioni hanno portato nelle casse di Trenitalia più di 200mila euro. Comicità, forse involontaria, nella dichiarazione in cui l’uomo afferma che la gente lo adora…

https://www.latina.fr/italie-un-controleur-qui-donnait-trop-d-amendes-licencie-puis-reintegre

Ça m’Intéresse, dalla Francia, dedica un articolo a ‘quella volta che Mussolini esiliò gli omosessuali’. Quella volta fu nell’estate del 1939 e l’articolo comincia col racconto di un giovane sarto salernitano che fu arrestato sotto casa, e deportato sull’isola di San Domino, nelle Tremiti, assieme a altri omosessuali accusati di compromettere l’integrità razza. Fino a quel momento l’omosessualità era stata deliberatamente ignorata dal Duce; e si narra che quando entrò in vigore il codice penale del 1930 Mussolini si infuriò leggendo le sanzioni previste per quelli che all’epoca venivano definiti invertiti in quanto, testuale, in Italia ci sono solo uomini veri!. L’esilio di San Domino durerà un inverno solo. Nel 1940, con lo scoppio della seconda guerra mondiale, i deportati del sesso vennero rinviati a casa agli arresti e per loro fu anche peggio.

https://www.caminteresse.fr/histoire/italie-quand-mussolini-exilait-les-homosexuels-183358/

Ah… prima di finire. Volevo parlarvi del nuovo libro di ricette italiane scritto dai fondatori della catena di ristoranti Serafina e uscito negli Stati Uniti. Ieri ne ha parlato anche il New York Times. Ma quando ho visto che nella carbonara prescrivono la panna ho lasciato perdere. Quando è troppo è troppo… A Domani.

https://www.nytimes.com/2022/04/25/dining/serafina-cookbook.html

 

Tags: