Ristretto Italiano – 5 agosto 2022

Ristretto Italiano – 5 agosto 2022

Dalla Romagna dalla Sicilia : Salvini vola a Lampedusa per la campagna elettorale ma non vi trova i migranti. Evasione: maxi sequestro all’architetto italiano di Putin. I bambini americani coi nomi di paesi città: snobbata l’Italia.

Incurante del fatto che, anche durante la sua assenza le barche dei migranti siano state respinte con la stessa durezza di quando c’era lui, Matteo Salvini è tornato tra i bagnanti di Lampedusa per la sua campagna elettorale. Come riferisce dalla Francia Le Point specificando, nell’articolo, che quando il leader leghista non ha trovato praticamente alcun profugo e ha reagito dicendo “Me li stanno nascondendo. Li stanno portando coi traghetti in altre aree della Sicilia”. Come se non fosse la prassi. Le Point ricorda poi le vicende giudiziarie del nostro ex ministro dell’Interno che, in merito al blocco in mare, per settimane, della Sea Watch è accusato di rapimento e abuso di potere.

https://www.lepoint.fr/monde/italie-salvini-en-campagne-antimigrants-sur-l-ile-de-lampedusa-04-08-2022-2485394_24.php

E intanto la città di Cosenza, dopo Bologna, introduce il conferimento della cittadinanza onoraria a bambini nati in Italia, da genitori stranieri, che in Italia abbiano completato un ciclo di studi. Un atto sostanzialmente simbolico – come scrive Info Migrants – che il sindaco, del partito socialista, è riuscito a far passare in quanto i consiglieri di Fratelli d’Italia erano usciti dall’aula. Un altro passo verso l’approvazione di una legge nazionale sullo Iu Soli.

https://www.infomigrants.net/fr/post/42371/en-italie-une-ville-decide-daccorder-la-nationalite-aux-enfants-etrangers-nes-dans-le-pays

L’Italia sequestra beni per 141 milioni di euro del patrimonio dell’architetto di Putin. La notizia, ripresa da molte testati internazionali, la trovo sulla radio televisione pubblica belga. Il servizio spiega che si tratta di Lanfranco Cirillo, architetto italiano di 63 anni con cittadinanza russa, il quale avrebbe progettato l’enorme residenza sul Mar Nero attribuita allo stesso Putin, oltre a decine di costruzione per 44 oligarchi oligarchi. E nulla, mai nulla, avrebbe versato al fisco italiano, ritenendosi forse protetto dalla cittadinanza onoraria russa che lo stesso presidente gli conferì nel 2014. Tra i beni sequestrati ville, opere d’arte e anche un elicottero.

https://www.ilsole24ore.com/art/gdf-sequestra-141-milioni-euro-lanfranco-cirillo-l-architetto-putin-AEMe71qB

Si allunga la lista degli insoliti divieti che sorprendono i turisti stranieri. Norme per noi di educazione e buon senso, ma non per certi stranieri, come il divieto di camminare in città in costume da bagno, o quello di sedersi a mangiare sui gradini dei monumenti, a provvedimenti che talvolta incuriosiscono anche noi. Li elenca dalla Germania Reise Reporter e vi troviamo le infradito vietate per chi si addentra nei sentieri delle Cinque Terre (multe fino a 2500 euro), i lucchetti dell’amore tanto romantici quanto vietato appenderlo a ringhiere e cancelli, la raccolta di sassi e conchiglie su certe spiagge della Sardegna. Poi dice che non si può bere direttamente alle fontane pubbliche (l’acqua va raccolta nei palmi delle mani unite a conca o imbottigliata), non ci si possono fare le foto coi finti gladiatori (qui le multe, però sono solo per loro), e non si può nuotare nell’acqua del lago di Como, a Como.

https://www.reisereporter.de/artikel/15346-italien-diese-dinge-sind-fuer-reisende-verboten

L’Italia resta una delle mete di viaggio preferite, in assoluto, dai turisti stranieri, americani in testa, e sorprende un poco non trovare allo stesso modo le nostre città tra i nomi propri che americani e inglesi attribuiscono ai loro figli. Come da approfondita indagine della CNBC che, in questa epoca in cui sempre più si trascurano i nomi dei nonni, dei personaggi storici, dei re e delle regine, spopolano i nomi di città. Preston, Dakota, Israel vanno per la maggiore negli Stati Uniti, Cheser, sempre Preston e Phoenix nel Regno Unito dove, per trovare Milan si deve scendere alla quarta posizione. E peggio va per Rome all’ottavo. Nessuno dei due è tra i primi dieci a stelle e strisce. E se è vero, come diceva Lucca Quinn in The Good Wife, che il suo nome deriva dalla città dove cominciò a esistere nel ventre di sua madre, c’è da pensare che per i turisti le città italiane siano romantiche, sì, ma solo fino a un certo punto.

https://www.cnbc.com/2022/08/04/what-are-popular-baby-names-associated-with-travel-see-the-lists.html