Ristretto Italiano – 5 marzo 2022

Ristretto Italiano – 5 marzo 2022

Cento oggi: il mondo augura buon compleanno a Pier Paolo Pasolini. Anche in Cina si parla della nostra scomoda dipendenza dal gas russo. Sergio Mattarella si riduce lo stipendio di 60mila euro l’anno.

5 marzo 2022. Cent’anni fa oggi nasceva, a Bologna, Pier Paolo Pasolini. L’Italia lo ricorda con decine in manifestazioni in tutto il Paese ma ciò che è più bello e che sono numerosi gli omaggi tributati da ogni parte del mondo al nostro grande uomo di cultura. Ne ho scelti due:

Jornal de Paraìba, dal Brasile spiega ai suoi lettori che Pier Paolo Pasolinifu uno dei più grandi intellettuali italiani del ventesimo secolo; morì nel 1975, all’età di 53 anni, assassinato da un prostituto. Omosessuale, ateo, Pasolini era iscritto al Partito Comunistaha vissuto la sua vita senza paura delle polemiche prendendo di mira i valori borghesi, la censura cattolica e la minaccia del neofascismo., ciononostante conquistò la simpatia della Chiesa quando nel 1964 girò il Vangelo Secondo Matteo che potremmo definire una Passione di Cristo neorealista. Altri film che la testata consiglia di vedere sono Teorema, Decameron, i Racconti di Canterbury e Il fiore delle mille e una notte.

https://jornaldaparaiba.com.br/cultura/silvio-osias/2022/03/03/no-centenario-de-pasolini-cinco-filmes-do-grande-cineasta-italiano-para-ver-ou-rever

E da Parigi la rete televisiva France 24 titola “Chi ha ucciso Pasolini? L’Italia si interroga ancora un secolo dopo la nascita”. Il provocatorio regista e poeta italiano aveva non pochi nemici – leggo – e mezzo secolo dopo il suo brutale omicidio, su una spiaggia d’inverno, la sua morte rimane un mistero. L’uomo che ha passato dieci anni in carcere, quel prostituto diciassettenne, Pino Pelosi nel 2005 ha ritrattato la sua confessione ma anche l’indagine riaperta nel 2010 si è conclusa con un nulla di fatto. Le teorie di questi anni hanno abbracciato ogni ipotesi, dal ricatto, alla vendetta dell’estrema destra, alla vendetta della mafia. L’articolo di France24 appoggia poi la convinzione della criminologa Simona Zecchi che l’artista sia stato messo a tacere per la sua attività giornalistica durante quelli che ancora ricordiamo come Gli Anni di Piombo. E il biografo francese di Pasolini, Renè de Cecatty, è convinto che la risoluzione di questo mistero sia complicata da diversi strati di singoli attori probabilmente coinvolti.

In questi giorni a Los Angeles è in corso una retrospettiva dei suoi film più importanti.

https://www.france24.com/en/live-news/20220303-who-killed-pasolini-italy-still-questions-century-after-birth

L’Italia continua a studiare come ridurre la dipendenza dal gas russo. Ne scrive anche da Pechino l’agenzia Nuova Cina, sottolineando come il legame con Mosca sia per noi ancora più stringente che per gli altri Paesi europei. Draghi continua ad avere la fiducia degli Italiani, preoccupati per la sicurezza e per i prezzi dell’energia saliti del 29,1 per cento a dicembre e di un ulteriore 38,6 per cento a gennaio. L’Italia, spiega ancora il lancio d’agenzia, usa per oltre il 40 per cento gas importato dalla Russia e per questo non può sospendere le importazioni da Mosca. Ora ci sarà una tregua estiva facilitata dalle temperature ma anche nei mesi caldi i consumi elettrici aumentano di anno in anno con la diffusione dell’uso dei condizionatori.

https://www.dailynews.co.th/news/816555/

Suscita scalpore, anche all’estero, la notizia dell’autoriduzione dello stipendio di Presidente della Repubblica da parte di Sergio Mattarella. Da poco rieletto, scrive l’Observator, dal Portogallo, Mattarella taglia il suo stipendio annuo di 60mila euro portandolo ai 179,835 lordi che corrispondono alla sua pensione di docente universitario. Il Presidente, che già si era ridotto gli emolumenti durante il primo mandato, non percepirà, né né ora né in futuro, la pensione vitalizia da ex deputato. Nello scorso maggio anche il premier Draghi aveva rinunciato al compenso di 110mila euro lordi annui spettanti alla carica.

https://observador.pt/2022/03/03/presidente-italiano-sergio-matarella-reduz-o-seu-salario-em-60-000-euros/

Cinema e TV. La britannica Freemantle acquisisce il 70 per cento della nostra Lux Vide, la casa di produzione fondata nel 1992 da Ettore e Matilde Bernabei e che ha dato vita a serie come I Medici, Leonardo e Sky Devils; la casa che nel 1994 fu la prima azienda italiana ad aggiudicarsi un Emmy con il film Joseph. Ne da notizia, dagli Stati Uniti, Hollywood Reporter. I termini finanziari dell’acquisizione non sono stati resi noti, ai Bernabei resterà il 30 per cento, e Freemantle avrà il controllo di una società che possiede cinque studi, con sede fuori Roma, e oltre 6mila metri quadri di set.

https://www.hollywoodreporter.com/tv/tv-news/fremantle-lux-vide-buy-italy-1235103492/