Ristretto Italiano – 6 agosto 2022

Ristretto Italiano – 6 agosto 2022

Nessun rischio per i fondi europei: il loro utilizzo è confermato nel programma del centrodestra. Maxistabilimento Intel in Italia: trattative in dirittura d’arrivo. Piemonte o Veneto la sede. Molestie dure a morire: più di una lavoratrice su due dichiara di avere ricevuto apprezzamenti sgraditi. Spopola in Thailandia la ciotola per cani di Gucci.

Il programma elettorale del centrodestra non è ancora pronto, occorrono limature, ma Reuters, da Londra, si dice in grado di potere anticipare alcuni dei punti centrali. Citando fonti riservate, l’agenzia britannica conferma che sarà chiaramente espressa la volontà di fare un uso efficiente dei fondi che l’Italia ancora riceverà dall’Unione Europea, i 200 miliardi del Next Generation EU dei quali 67 già messi in sicurezza dalle riforme Draghi. Tra le altre misure i conservatori proporranno un’esenzione IVA per i beni ritenuti essenziali e un ulteriore taglio del cuneo fiscale. E sembra proprio che ci sia un chiaro impegno a rimanere fedeli all’alleanza atlantica continuando a sostenere l’Ucraina nel conflitto che la oppone alla Russia. Riguardo poi la formazione del nuovo governo il centrodestra non escluderebbe di avvalersi di tecnocrati capaci fuori dagli schieramenti politici.

https://www.usnews.com/news/world/articles/2022-08-05/italys-right-wing-frontrunner-party-wont-jeopardize-recovery-plan-funds-founder-tells-paper

Ed è sempre Reuters a riferire che sono a buon punto, se non ottimo, i negoziati tra Italia e Intel Europa per costruire nel nostro Paese un impianto di costruzione e assemblaggio di semiconduttori. L’investimento è stimato in 5 miliardi di dollari e l’annuncio pubblico potrebbe arrivare prima del voto del 25 settembre. Resta il punto interrogativo sul dove: tra le cinque regioni inizialmente disponibili restano in lizza Piemonte e Veneto, mentre escono di scena Lombardia, Puglia e Sicilia. Su questo segmento gli investimenti previsti dalla Commissione Europea sono per 15 miliardi entro il 2030; l’obiettivo è quello di ridurre la dipendenza per l’approvvigionamento dei semiconduttori dall’Asia.

https://visao.sapo.pt/exameinformatica/noticias-ei/mercados/2022-08-05-italia-fabrica-da-intel/

Donne e molestie. Le vecchie abitudini tipiche del maschilismo sono dure a morire. In Italia forse più che altrove. Come accertato in un sondaggio della Fondazione Libellula tra le donne che lavorano nelle aziende, e come riferisce dalla Germania Deutsche Welle, il 55 per cento delle lavoratrici che hanno accettato di rispondere afferma di essere stata vittima di molestie e di discriminazioni sul lavoro. Sempre una su due, il 53 per cento, ha affermato di avere dovuto sentire commenti sul suo aspetto e allusioni sessuali mentre il 22 per cento, comunque più di due su dieci, ha dichiarato di avere subito molestie fisiche. Dati scoraggianti che confermano quanto il Mee Too nel nostro Paese sia passato come un movimento da barzelletta. L’uomo ritiene ancora divertente un commento sul lato B della collega, ritiene legittimo fantasticare ad alta voce sulle sue attitudini; commenti che molto meno, praticamente mai, riserva ai suoi colleghi maschi e se accade è solo per bullizzarli. Ma questo è un altro film. Tornando all’indagine Libellula emerge poi il travaglio che ogni madre che lavora ha dovuto superare per comunicare il suo stato di gravidanza.

https://www.dw.com/el/%CE%BF%CE%B9-%CE%BC%CE%B9%CF%83%CE%AD%CF%82-%CE%B9%CF%84%CE%B1%CE%BB%CE%AF%CE%B4%CE%B5%CF%82-%CE%B4%CE%AD%CF%87%CE%BF%CE%BD%CF%84%CE%B1%CE%B9-%CF%83%CE%B5%CE%BE%CE%BF%CF%85%CE%B1%CE%BB%CE%B9%CE%BA%CE%AD%CF%82-%CF%80%CE%B1%CF%81%CE%B5%CE%BD%CE%BF%CF%87%CE%BB%CE%AE%CF%83%CE%B5%CE%B9%CF%82/a-62696266

E ha avuto eco anche fuori dai confini nazionali la tristissima vicenda di Beauty Davis, la giovane donna calabrese, di origini nigeriane, che a Soverato è stata presa a botte dal suo datore di lavoro cui aveva chiesto il pagamento di tutte le ore lavorate, anche quelle straordinarie. La cosa bella, riferisce Dialogo dalla Grecia, è che dopo che la storia è diventata pubblica la donna ha ricevuto diverse altre offerte di lavoro.

https://dialogos.com.cy/poiniki-ereyna-gia-feromeni-epithesi-ergodoti-kata-metanastrias-stin-italia-poy-zitoyse-ta-dedoyleymena-tis/

Gucci lancia la linea per cani e gatti: abbigliamento, collari, guinzagli e ciotole. E, stando al più diffuso giornale thailandese Khon Chad Lued, laggiù, nel profondo oriente, spopola la ciotola griffata. L’alta borghesia thai se la può procurare per la modica cifra di 63mila Bath (1720 euro suppergiù). E per tenere in caldo la pappa di Fufy mentre la portiamo dalla cucina al suo divano preferito ci sono la cloche in acciaio e la ciotola da viaggio per la cifra aggiuntiva di 85mila Bath, (2329 euro sempre suppergiù). 4000 euro e passa la paura. In fondo è Gucci…