Ristretto Italiano – 6 aprile 2021

Ristretto Italiano – 6 aprile 2021

San Marino sul Washington Post; gli italiani vaccinano con fantasia; arrestato il boss al ritorno in Italia; fumi tossici dell’Etna in Iraq; varo con idranti per il primo volo di EGO.

 

Lo strano caso della Repubblica di San Marino in prima pagina sul Washington Post, anche cartaceo. “La micronazione italiana che fa invidia all’Italia”, titolano. Parlano la stessa lingua, mangiano gli stessi tortelli – dicono di noi e di loro – ma sono ora profondamente divisi dal vaccino. Da unico paese europeo escluso dalle forniture UE a primo Paese che presumibilmente terminerà di immunizzare la popolazione, che è di 29mila abitanti. Grazie all’assenza di un ente regolatore per i farmaci, i Sanmarinesi hanno potuto chiedere, e già ottenuto, lo Sputnik V e pensano di terminare a maggio. E gli italiani, leggo ancora nel servizio, stanno facendo carte false per intrufolarsi tra di loro.

Dalla Serbia Novosti dedica un servizio su tutti i luoghi insoliti dove ci si vaccina in Italia. Sul vaporetto a Venezia, sugli spalti dell’autodromo a Monza e poi nelle chiese e nei musei. L’obiettivo – scrive il quotidiano di Belgrado – è di arrivare all’80 per cento della popolazione entro settembre.

Arrestato a Palermo il boss mafioso di Pagliarelli che tornava ieri da Brasile per passare la Pasqua in famiglia. La notizia la prendo dalla rete spagnola La Sexta che nel servizio spiega come l’uomo riuscisse a coordinare le azioni della cosca stando in Brasile.

L’Etna allarma più gli altri di noi che a malapena ne parliamo. Tanto che ancora domenica un dispaccio dell’agenzia irachena Nina News, citando fonti del ministero dell’ambiente di Bagdad, scriveva di chiudere le finestre e di coprire i serbatoi dell’acqua sui tetti per non essere contaminati dalla nube di zolfo in arrivo dall’Italia.

Ancora in Sicilia per chiudere. L’Italia ha una nuovo operatore aereo, la EGO. Lo scrive Simple Flying spiegando che, benchè fondata due anni fa, la compagnia ha effettuato il suo primo volo Catania – Parma il 30 marzo scorso. E pubblica la foto del varo che, anziché la bottiglia di champagne della contessa Serbelloni Mazzanti Vienldalmare, prevede due automezzi dei pompieri che bagnano l’aereo con gli idranti. E lo centrano.

 

 

Tags: