Ristretto Italiano – 6 luglio 2021 – Ricordo di Raffaella Carrà

Ristretto Italiano – 6 luglio 2021 – Ricordo di Raffaella Carrà

Dedico questo podcast alla scomparsa, per tanti di noi inattesa, di Raffaella Carrà. E, come è nel nostro format vi propongo una Rassegna di ciò che, nell’immediato, la stampa internazionale ha scritto di lei. Molti articoli commossi dalla Spagna e dall’America Latina, dove Carrà era amatissima. Ma di lei si è scritto in molti paesi.

Dalla Spagna, dove la Carrà godeva di una popolarità immensa da almeno tre decenni, BBC Mundo spiega che a ucciderla è stata una malattia contro la quale combatteva da tempo. Una malattia che da tempo aveva attaccato il suo corpo, così piccolo ma così pieno di energia traboccante. “La sua forza inarrestabile, che l’ha imposta al vertice dello star system mondiale, e una volontà di ferro che non ha mai l’ha abbandonata l’hanno assistita fino alla fine, facendo in modo che nessuna delle sue profonde sofferenze trapelasse”.

https://www.bbc.com/mundo/noticias-57726748

Niente è eterno … tranne la Carrà. Sempre da Madrid El Pais cita il vecchio adagio italiano. E anche per questo – commenta – oltre al segreto con cui ha protetto la sua malattia, la notizia della sua scomparsa è arrivata come un fulmine a ciel sereno. Raffaella ha vissuto la pandemia con angoscia e noia, continua il popolare quotidiano spagnolo. Nella sua ultima intervista, realizzata nel 2020 con il Corriere della Sera, si disse molto spaventata. E poi aggiunse “Mi sono vista al telegiornale un paio di volte ultimamente e mi sono detta: Dio, cosa c’è che non va? E ho pensato che la prossima volta parleranno di me per dire che sono morta. Ma io tocco il ferro”.

https://elpais.com/cultura/2021-07-05/muere-la-cantante-actriz-y-presentadora-raffaella-carra.html

Muriò la cantante la cantante italiana Raffaella Carrà, titola da Buenos Aires El Clarin al quale dall’Italia Franco Simone ha dichiarato “Devo confermare con molto dolore che è così, sono devastato “. L’amica di Diego Maradona, l’artista che fuggì da Hollywood per non cadere nella cocaina, continua la più importante testata Argentina, è morta oggi a 78 anni.

E sempre dall’Argentina dove, come in Spagna Raffaella era un personaggio popolarissimo, un’altra testata, Infobae spiega che il cognome d’arte di Raffaella Pelloni è un omaggio al pittore futurista italiano Carlo Carrà, che nacque a Bologna durante la seconda guerra mondiale, che da bambina studiò danza classica ma fu scoraggiata dal suo primo maestro e ben presto cerco fortuna a Hollywood dove Frank Sinatra, prima di sposare Mia Farrow, le fece delle avance. Troppo latina per piacere al pubblico nordamericano, Raffaella tornò in Italia agli inizi degli anni settanta e adottò il mai tramontato e iconico caschetto biondo platino. Ebbe emule in tutto il mondo. In Argentina la altrettanto platinata Susanna Gimenes riprese il formato di Pronto Raffaella lanciando Hola Susanna! Ma nessuno, scrive ancora la testata bonaeriense, potrà mai eguagliarla.

https://www.clarin.com/espectaculos/murio-cantante-italiana-raffaella-carra_0_DSAdTYuNr.html

https://www.infobae.com/teleshow/2021/07/04/rafaella-carra-la-italiana-que-pudo-haber-triunfado-en-hollywood-y-conquisto-latinoamerica/

Da Londra The Guardian definisce Carrà come la pop star italiana che ha insegnato all’Europa la gioia del sesso, una pioniera che ha aiutato le persone a vivere una vita più appagante, usando ritmi a cui nessuno con il sangue nelle vene può resistere.

https://www.theguardian.com/music/2020/nov/16/rafaella-carra-the-italian-pop-star-who-taught-europe-the-joy-of-sex

E dal Canada La Presse ricorda che il registra francese Francois Ozon mise la sua A far l’amore comincia tu nella colonna sonora di Drops of water on Burning Stones e che il recente remix di Bob Sinclair è stato usato nel film La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino.

https://www.lapresse.ca/arts/musique/2021-07-05/deces-de-raffaella-carra-icone-italienne-de-la-chanson.php#

Chiudo con il russo Rg  che titola “Morta la leggendaria cantante italiana Raffaella Carrà, e ricorda “La popolarità dell’attrice è arrivata anche in URSS. I telespettatori sovietici hanno incontrato l’affascinante cantante italiana durante i giorni della televisione italiana in URSS. E il regista Evgeny Ginzburg ha girato il film “Raffaella Carra a Mosca” per la TV. 

https://rg.ru/2021/07/05/skonchalas-legendarnaia-italianskaia-pevica-raffaella-karra.html