Ristretto Italiano – 8 febbraio 2022

Ristretto Italiano – 8 febbraio 2022

Il Papa da Fazio, una novità assoluta della comunicazione della Santa Sede che non sfugge agli osservatori stranieri. Mahmoud e Blando da Sanremo all’Eurofestival: già in testa tra i bookmakers. Gas naturale: Italia il Paese europeo con più riserve

Il Papa da Fazio e l’approdo di Mahmoud e Blanco al prossimo Eurofestival sono oggi le notizie riguardanti le cose di casa nostra che dominano sulla stampa estera.

I cattolici – scrive il canale tedesco di Euronews – fino a ora hanno conosciuto Papa Francesco per le cose che dice settimanalmente all’Angelus. Ma domenica sera milioni di italiani hanno potuto conoscere un suo lato molto più personale accendendo la TV.

Un porteno che non balla il tango non è un porteno. Questa invece è, come prevedibile, la frase che ieri tutti i giornali argentini hanno ripreso per il titolo. Portento è l’abitante di Buenos Aires. Prendo La Nacion che sottotitola “Il Pontefice ha concesso un’intervista di un’ora a un programma televisivo serale della RAI, qualcosa di inedito. Il quotidiano spiega però che, benché venduto come ‘la prima intervista dal vivo del Papa’ si trattava in realtà di una differita, come verificabile dall’ora segnata dall’orologio di plastica che Francesco aveva al polso. E ancora l’articolo bonaeriense, città che non ha mai avuto questo Papa in grandissima simpatia, riconosce a Francesco doti di grande comunicatore benché, scrive, non abbia detto nulla di nuovo sui problemi del mondo.

https://www.lanacion.com.ar/el-mundo/un-porteno-que-no-baila-el-tango-no-es-un-porteno-el-papa-francisco-fue-entrevistado-en-un-popular-nid06022022/

https://de.euronews.com/2022/02/07/papst-in-der-prime-time-franziskus-tritt-in-beliebter-talkshow-des-italienischen-fernsehen

Il programma televisivo irealeliano Srugim dà il bentornato all’Eurovision Contest a Mahmoud e Blanco. Il solo Mahmoud già partecipò all’edizione del 2019, che si tenne in Israele, conquistando un onorabilissimo secondo posto. E, a quanto pare dal resto del commento, la canzone Soldi in Israele funziona ancora.

E il sito wiwibloggs si spinge ancora più in là dando l’Italia ancora una volta favorita, all’Eurovision del prossimo maggio, davanti a Polonia e Grecia. Le canzoni in gara già note sono nove e “Brividi” viene descritta come una ballata contemporanea che vede due uomini aprire il loro cuore. La canzone – leggo ancora – è quinta nella classifica degli ascolti globali di Spotify dimostrando di avere un indiscusso fascino transfrontaliero.

https://www.srugim.co.il/643831-%D7%99%D7%95%D7%A6%D7%A8-%D7%94%D7%9C%D7%94%D7%99%D7%98-%D7%A1%D7%95%D7%9C%D7%93%D7%99-%D7%97%D7%95%D7%96%D7%A8-%D7%9C%D7%90%D7%99%D7%A8%D7%95%D7%95%D7%99%D7%96%D7%99%D7%95%D7%9F-2022

https://wiwibloggs.com/2022/02/06/eurovision-2022-odds-italy-favourite-to-win-ahead-of-poland-and-greece/269413/

A oggi l’Italia è il Paese europeo con le maggiori riserve di gas naturale. Lo scrive il sito Azer Tag dall’Azerbaigian. La media delle riserve continentali è scesa dal 52 per cento della fine di gennaio al 37 e mezzo per cento. L’Italia, con 10 miliardi di metri cubi di gas è ancora al 47 per cento della capacità totale grazie – scrive l’articolo – al gas azero importato attraverso il gasdotto TAP. Germania e Francia sono al 35 e al 33 per cento. Calo dovuto all’aumento della domanda e ai maggiori consumi invernali.

https://azertag.az/xeber/Italiya_hazirda_Avropada_tebii_qaz_anbarlarinda_en_chox_ehtiyata_malik_olkedir-2002910

Venezia, ascensore si, ascensore no. La controversia condominiale tra Fiorello, che ha da poco acquistato casa in laguna, e il resto dei proprietari è finita sulla Zurcher Zeitung. La questione alla fine è tra la salvaguardia delle architetture secolari e le necessità personali degli individui cui oggi, rispetto a ieri, viene in soccorso la tecnologia; come l’ascensore appunto. Il fatto, scrive la redazione svizzera, è che Venezia sta diventando un’altra Pompei, un museo a cielo aperto che si può solo visitare ma non vivere. E citando Indro Montanelli conclude con un “Il problema di Venezia sono i veneziani”

https://www.nzz.ch/panorama/italien-venedig-streitet-um-personenlifte-in-alten-palazzi-ld.1668254

L’Italia, come la Francia, ospita alcuni dei castelli, dei palazzi e delle grandi dimore più leggendari del mondo e un servizio di CNBC, dagli Stati Uniti, recensisce quelle che si possono affittare o, addirittura, comprare. Comincia dal Castello del Padrino, ovvero Palazzo Scammacca ad Acireale. Una dimora da 22 camere da letto, 12 sale per ricevimenti, parco privato, grotta, cappella con affreschi di Giuseppe Sciuti in vendita come ‘casa unifamiliare’ a 6 milioni e 800mila dollari. C’è poi un grande castello nel Chianti quotato 20 milioni di Euro da Christie’s: costruzione di mille anni fa, restaurata negli anni 80 e, soprattutto 30 acri in vigneto per una produzione potenziale di 150mila bottiglie /anno. Le camere da letto sono 25 e i bagni 33. A conferma che l’Italia, per il resto del mondo, non è solo bunga bunga ma soprattutto lusso e liffe style.

https://www.cnbc.com/2022/02/07/the-grandest-mansions-in-france-and-italy-to-buy-rent-or-visit.html